L’esempio degli Angeli dei Navigli: “Dalle acque abbiamo estratto i rifiuti e la dignità della città”

Domani, 22 aprile, come ogni anno, si celebra la Giornata Nazionale della Terra, il famoso Earth Day. Ma qual è il senso di questa ricorrenza e come puoi celebrare la terra in prima persona? Simone Lunghi è un volto noto per la città di Milano e c’è chi lo conosce anche fuori dai confini lombardi. È soprannominato l’Angelo dei Navigli perché dal 2016 è il custode dei canali di Milano.
Francesco Castagna 21 Aprile 2022
In collaborazione con Simone Lunghi Ass. Angeli dei Navigli

Sapevi che a Milano esistono dei custodi dei Navigli? Li puoi vedere mentre vogano nei canali della città, un sistema di corsi d'acqua artificiali e navigabili costruiti anticamente per far arrivare l'acqua al centro del capoluogo e per trasportare le merci. Questi attivisti li ripuliscono dalla nostra cattiva abitudine di abbandonare i rifiuti ovunque.

In una città piena di angeli, come i City Angels (volontari di strada che offrono assistenza ai cittadini e ai bisognosi), Simone Lunghi con gli anni ha messo su una vera e propria associazione: “Gli Angeli dei Navigli”. Originario di Vigevano, Simone racconta come da piccolo la sua passione per la canoa e l'attivismo ecologista gli siano stati trasmessi dal padre, che lo portava a fare i picnic nel parco del Ticino. Lì ha conosciuto Marco Previde Massara, campione mondiale di canoa, di cui è diventato amico e dal quale ha imparato questo sport, prendendosi allo stesso tempo cura del fiume. Arrivato a Milano nel 2015 ha deciso di fare la stessa cosa per ripulire i rifiuti dai canali della città. Così, grazie al supporto del circolo Canottieri San Cristoforo, Simone e i suoi Angeli dei Navigli con canoe o piccole imbarcazioni pagaia giorno e notte, d’estate e d’inverno, con il caldo e con la neve per ripulire le acque dei Navigli.

Da quando ha iniziato, Simone ha coinvolto tantissimi volontari tra bambini e adulti che nel tempo lo hanno aiutato a estrarre dall’acqua una serie di rifiuti impensabili: divani a tre posti, monopattini, bidoni dell’immondizia, cerchi delle auto, peluche. Pensa, in sei anni sono riusciti a recuperare più di 100 biciclette e monopattini in Darsena, nel Naviglio Martesana, Naviglio Grande e Naviglio Pavese.

La cosa più bella che ho estratto dai Navigli secondo me è la dignità di Milano

"Sui Navigli c'è una forte presenza dell'uomo e quindi ci sono tracce di civiltà o inciviltà, a seconda di come la vogliamo vedere, ma la cosa più bella che ho estratto dai Navigli secondo me è la dignità di Milano", racconta Simone, spiegando che è necessario difendere la natura e le acque di questi canali. Devi sapere che quando le temperature aumentano e arriva il caldo nei corsi d'acqua c'è una proliferazione eccessiva di alghe, dovuta in parte alle alte temperature ma anche a una scarsa manutenzione dei canali. Le alghe, spesso tossiche, sono nocive perché ostruiscono le branchie dei pesci causandone la morte. In più, la decomposizione delle cellule di questi organismi toglie ossigeno, alterando la biodiversità presente nei Navigli. Il Comune perciò si deve occupare di tagliarle regolarmente, ma la necessaria manutenzione è controproducente per gli attivisti, che difficilmente riescono a estrarre i rifiuti a causa dell'acqua torbida per via della presenza abbondante di alghe.

La missione degli Angeli dei Navigli è quella della “resilienza urbana”, una filosofia che seguono costantemente facendo del bene per stare bene. Il loro è un esempio virtuoso di come ci si possa prendere cura della nostra Terra coniugando lo sport con eventi culturali e l’attivismo ecologista. La loro filosofia è riuscita a coinvolgere anche le nuove generazioni, perché quando ci si diverte in canoa con un sottofondo musicale anche i bambini rimangono affascinati da questa attività.

E tu, che stai aspettando per dare un contributo? Se pensi di non poter essere utile sappi che ti sbagli di grosso. Ogni settimana questi custodi pubblicano delle call to action per estrarre i rifiuti più strani, manchi solo tu.