Meteo primavera 2024, le tendenze e cosa farà El Niño: dopo il caldo anomalo torna la pioggia e calano le temperature

Il caldo anomalo ci ha fatto compagnia durante tutto il weekend, segnando la prima ondata di calore di quest’anno. A partire da domani, però, le temperatura si abbasseranno leggermente e torneranno pioggia e neve, con rischio grandine. La primavera 2024 si preannuncia calda oltre la norma, con le temperature che potrebbero superare anche di 3°C la media stagionale a causa della crisi climatica e degli effetti di El Niño che farà ancora sentire la sua presenza. In generale, è un periodo causato da forte instabilità meteorologica, resa ancora più evidente dal cambiamento climatico che favorirà l’alternarsi di ondate di calore ed eventi estremi.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Ohga
Giulia Dallagiovanna 15 Aprile 2024

Ultimi sgoccioli di caldo anomalo e temperature quasi estive, a partire da domani, martedì 16 aprile 2024, torna un clima più primaverile. Un vortice d'aria fredda in arrivo dal Nord Europa provocherà un brusco cambiamento nel meteo, con pioggia, grandine e ancora nevicate oltre i 2300 metri di quota. A causa di un anticiclone africano stabilizzatosi sull'Italia, il weekend scorso ha visto la prima ondata di calore del 2024, davvero troppo in anticipo rispetto alla norma. Il termometro ha oscillato tra i 27°C e i 29°C gradi, fino a 8 o 9 punti sopra la media di stagione. Una situazione piuttosto preoccupante che potrebbe essere il preludio a un'estate torrida, anche peggiore rispetto a quella del 2023. Sono le conseguenze della crisi climatica e del riscaldamento globale.

Oggi, lunedì 15 aprile 2024, sono attesi già i primi rovesci su Alpi e nelle aree più a Nord del Paese, come la Val d'Aosta, e un leggero calo di temperature. Già domani, le piogge si intensificheranno e raggiungeranno anche Sicilia e Calabria, mentre le regioni del Centro e del Nord-Est devono attendersi temporali con rischio grandine. Scenderà anche al quota neve che potrebbe stabilizzarsi attorno ai 1500 metri di altitudine. Il termometro continuerà a scendere anche se per qualche giorno le temperature potrebbero comunque rimanere al di sopra della media stagionale. Questo meteo potrebbe rimanere invariato almeno fino al weekend.

Insomma primavera sì, ma una primavera da crisi climatica e da condizioni climatiche che ormai sono cambiate.

Com'è il clima in primavera

In primavera il clima è di solito più mite rispetto all'inverno, ma non ancora sufficientemente caldo come in estate. Il meteo risulta infatti altamente instabile, in quanto si scontrano le masse d'aria fredda che ancora permangono sul nostro emifero, con quelle d'aria calda che arrivano dal sud e portano i primi indizi della bella stagione.

Le ore di luce, inoltre, aumentano, dando modo ai raggi solari di avere più tempo per riscaldare l'atmosfera, il suolo e la superficie di mari e oceani. Allo stesso tempo però permane una cosiddetta inerzia termica derivata, appunto, dai mesi freddi appena trascorsi. Bacini idrici e specchi d'acqua sono dunque ancora freddi, sulle montagne la neve non si è ancora sciolta e di notte le temperature calano anche di diversi gradi rispetto al giorno.

Ci si attende quindi un'elevata instabilità a livello di meteo e soprattutto aumenta il rischio di temporali intensi e nubifragi. A causa della crisi climatica in corso, questa instabilità è in crescita e anche la frequenza con cui si verificano gli eventi estremi risulta in aumento.

Come sarà la primavera 2024

Naturalmente, non è possibile elaborare delle previsioni precise per la primavera 2024, ma possiamo avere un'idea della tendenza meteo dei prossimi mesi. Secondo le previsioni stagionali a lungo termine del Centro Europeo per la Previsione Meteorologica a Medio termine (ECMWF), ci attendono temperature tra gli 1 e i 3°C al di sopra della media, confermando il trend di un aumento generale delle temperature come abbiamo visto anche durante l'inverno appena passato. Il caldo anomalo potrebbe essere percepito soprattutto nelle regioni del Centro e del Sud Italia dove, a causa della crisi climatica, potrebbero verificarsi anche le prime ondate di calore dell'anno, tra aprile e maggio. Al nord invece sono attese diverse precipitazioni, oltre a variazioni di meteo piuttosto rapide, rese più intense proprio dal caldo superiore alla media stagionale.

Come si comporterà El Niño

El Niño persisterà anche nella primavera 2024, scombussolando il meteo e provocando non poche anomalie climatiche. Sappiamo che si tratta di un fenomeno di larga scala, localizzato sulla superficie dell'Oceano Pacifico ma in grado di influenzare il clima di tutto il Pianeta per la sua capacità di far aumentare la temperatura dell'oceano anche di 3°C.

Per la primavera ci si attende ad esempio una maggiore probabilità di formazione dei cosiddetti fiumi atmosferici, che a loro volta alimentano gli anticicloni permanenti come quelli africani o l'anticiclone delle Azzorre. In generale quindi ci si attendono temperature più elevate, soprattutto per aprile e maggio, un maggior rischio di eventi estremi.

Quando arriva la primavera e quando finisce

Come sappiamo, l'inizio della primavera è indicato dall'equinozio che quest'anno si è verificato il 20 marzo 2024 alle 4:06 di mattina. La fine di questa stagione è invece fissata per il 20 giugno 2014 quando, con il solstizio d'estate, inizierà appunto l'estate 2024.

In quale mese si alzano le temperature

Di norma, il periodo dell'anno in cui si alzano le temperature è proprio quello compreso tra metà marzo e l'inizio di aprile. L'aumento poi prosegue fino all'estate. Nel 2024, però, si sono verificate diverse anomalie da imputare alla crisi climatica in corso: abbiamo vissuto un inverno insolitamente caldo e gennaio e febbraio hanno segnato il record dei mesi invernali più caldi di sempre. In generale, durante i 12 mesi appena trascorsi, le temperature si sono matenute sempre al di sopra della famosa soglia dei +1,5°C rispetto all'era preindustriale. Il limite cioè che la comunità internazionale si era imposta per contenere le conseguenze peggiori del cambiamento climatico e del riscaldamento globale. Non siamo stati capaci di mantenere le promesse.

8 aprile: dopo il caldo, arriva la pioggia (e la grandine)

Oggi, lunedì 8 aprile 2024, è l'ultimo giorno di sole che ci garantisce l'anticiclone africano stabilizzatosi da circa una settimana sul nostro Paese. Martedì 9 e mercoledì 10 aprile 2024 infatti arriverà un fronte temporalesco di origine atlantica che porterà pioggia ma anche neve sulle Alpi. È atteso anche un drastico calo delle temperature, con un successivo rialzamento nella seconda parte della settimana e verso il weekend. L'alternanza di sole e perturbazioni è piuttosto normale in questo periodo dell'anno, ma i gradi al di sopra della norma registrati puntualmente dal temometro fanno intuire come le conseguenze della crisi climatica siano ormai presenti in qualsiasi stagione.

Per mercoledì 10 si prospetta un repentino abbassamento delle temperature, che in alcuni casi potrebbe corrispondere anche a 10 o 15 gradi. Potrebbe anche soffiare un vento più forte e verificarsi qualche nevicata alle quote più elevate del settore alpino, almeno sopra i 1500 metri.

Le prime nuvole comunque sono attese già a partire da martedì 9 aprile, soprattutto nell'area Nord-Ovest dell'Italia. Non sono da escludere rovesci e temporali, che in serata potrebbero raggiungere anche il Nord-Est.

In Pianura Padana nei prossimi giorni potrebbero verificarsi temporali particolarmente intensi, con vento forte e occasionali grandinate. Questo aumento del rischio è determinato dallo scontro da il fronte di alta pressione mosso dall'anticiclone, e quello di aria fredda in arrivo dall'Atlantico.

Ma l'alta pressione tornerà già a partire da giovedì 11 aprile e dovrebbe rimanere con noi anche per tutto il weekend. Le temperature potrebbero di nuovo salire fino a raggiungere i 25 gradi e superare quindi la media stagionale. Questa alternanza così rapida è segno di un'estremizzazione del meteo, dovuto alle conseguenze della crisi climatica e del riscaldamento globale.

2 aprile: torna il caldo a causa di un nuovo anticiclone

Dopo le piogge sparse di Pasqua, ci attende l'arrivo di un anticiclone africano che porterà bel tempo e un rialzo delle temperature ben oltre la media stagionale. Il caldo arriverà a partire da giovedì 4 aprile 2024, quando interesserà tutta l'Italia, comprese le regioni del Nord. Il termometro potrebbe arrivare a segnare anche i 24-25°C, circa 5 o 6 °C sopra la media di aprile. Una differenza determinata dalle conseguenze della crisi climatica in corso e che potrebbe avere ripercussioni gravi sui normali cicli della natura, come lo sbocciare dei fiori e la sopravvivenza degli impollinatori.

Per oggi, martedì 2 aprile 2024, ci si attende ancora un'alternanza di sole e nuvole, soprattutto nell'area del Triveneto e lungo i settori Alpini e Prealpini. Anche l'Italia centrale potrebbe essere interessata da qualche precipitazione sparsa, la coda del ciclone atlantico della settimana di Pasqua. Ultime piogge attese per mercoledì 3 aprile 2024 e non si esclude nemmeno qualche nevicata sulle Alpi, a partire dai 1600 metri di quota.

Giovedì invece cambia tutto e, come ti abbiamo già anticipato, il fronte di alta pressione in arrivo dall'Africa investirà tutta la Penisola, provocando un repentino aumento delle temperature anche nell'Italia settentrionale. Caldo anomalo e sole potrebbero rimanere stabili anche per il weekend del 6-7 aprile. Nuove precipitazioni sono invece previste a partire dal lunedì 8 aprile 2024.

25 marzo: come sarà il tempo per Pasqua e Pasquetta

Ci attendono una Pasqua e una Pasquetta 2024 dal tempo incerto, con un generale aumento delle temperature ma possibilità di pioggia soprattutto al Nord. Al Sud invece il meteo potrebbe essere più stabile e garantire qualche giorno di sole senza interruzioni. Il peggioramento del meteo sulle regioni settentrionali è atteso già per martedì 26 marzo 2024, con qualche grado in meno sul termometro, precipitazioni e qualche nevicata lungo le quote più alte. A causa della crisi climatica, ci attende una primavera fortemente instabile, con temperature superiori alla norma e aumento del rischio di eventi estremi come nubifragi e alluvioni.

Nella notte tra lunedì 25 e martedì 26 maggio 2024, il tempo potrebbe peggiorare sull'area nord del nostro Paese e portare già alle prime precipitazioni. Le piogge più intense sono attese nei prossimi giorni soprattutto su Piemonte, Liguria, Veneto, Friuli Venezia-Giulia e Romagna. Temporali e acquazzoni più sporadici sono previsti anche per le regioni del Centro e del Sud.

Il fine settimana invece, già a partire da venerdì 29 marzo 2024, potremmo assiste agli effetti dell'anticlone africano che, da Libia e Tunisia, amplierà il suo raggio d'azione fino a raggiungere il nostro Paese. Porterà quindi temperature più alte per Pasqua e Pasquetta, con picchi che potrebbero raggiungere i 26°C, ma senza scongiurare il rischio di temporali causati dal ciclone che arriva invece dall'Oceano Atlantico. I rovesci sono attesi principalmente sulle Alpi, ma anche in pianura Padana e sul Triveneto. Non è da escludere la possibilità di qualche grandinata.