Per la Design week 2022 Stefano Boeri progetta una foresta galleggiante alla Darsena di Milano

Nell’ottica di sviluppare il concetto di riforestazione urbana, lo studio di architettura Stefano Boeri Interiors, in collaborazione con Timberland, ha realizzato The Floating Forest, un ecosistema indipendente con 610 alberi e oltre 30 specie vegetali che favoriscono la biodiversità.
Gaia Cortese 6 Giugno 2022

È possibile far crescere una foresta nel centro di Milano in poco più di due settimane?  Ci è riuscito lo studio di architettura Stefano Boeri Interiors, in occasione della Design Week 2022, in programma nel capoluogo lombardo dal 7 al 12 giugno.

The Floating Forest, questo il nome dato all’installazione del brand Timberland realizzata sull’acqua della Darsena di Milano, è una foresta multisensoriale galleggiante che vuole portare l’attenzione sul concetto di forestazione urbana.

Nell’ottica di riportare un po’ di natura nel contesto urbano, sono infatti sempre più numerosi i progetti che puntano a implementare ecosistemi e biodiversità, a contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici e migliorare la vita di chi vive in città. Non solo. l’installazione vuole sensibilizzare i milanesi, e non solo loro, sulla necessità di rivedere e trasformare il contesto urbano concedendo sempre più spazio al verde.

L’installazione di Stefano Boeri quindi ha questo obiettivo, ma anche quello di diventare un luogo di incontro e di decongestione dai flussi quotidiani. Un rifugio dalla vita frenetica, dove potersi rigenerare.

Difatti, l’installazione è organizzata in quattro tappe fondamentali in grado di coinvolgere più sensi e garantire un’esperienza fuori dal comune, notevolmente rigenerante. Si tratta di un vero e proprio ecosistema indipendente costituito da 610 alberi e più di trenta specie che favoriscono la biodiversità nel cuore della città. Una foresta formata da aceri, betulle e piante da frutto, ma anche da arbusti come l'ortensia e il pitosforo, e piante erbacee perenni come la verbena viola, l’eulalia e l’anemone.

Il progetto sarà anche un'eredità per la città di Milano. Al termine dell’evento, infatti, tutti gli alberi  che compongono la foresta saranno donati a Soulfood Forestfarms Hub Italia, organizzazione no profit che sostiene la transizione ecologica del territorio in collaborazione con le istituzioni, le imprese e le comunità locali.

Con CasciNet Agrohub e l’Università degli Studi di Milano, l’organizzazione sta organizzando infatti un progetto di rigenerazione al Parco della Vettabbia, per trasformare i terreni in disuso in un sistema agroforestale produttivo e stratificato, che sia gestito secondo principi agroecologici.

Oltretutto i materiali che compongono l’installazione sono volutamente assemblati “a secco”, vale a dire che ne viene garantita la facilità di assemblaggio e riassemblaggio, oltre al riutilizzo dei singoli elementi una volta dimessa l’installazione.

The Floating Forest sarà visitabile a partire da domani fino al 12 giugno, dalle ore 10 alle ore 22, presso la Darsena di Milano.