Perché non dovresti uccidere i ragni che trovi in casa tua

Non dovresti uccidere i ragni che incontri in casa tua. A dirlo è Matt Bertone, un entomologo americano. Difficilmente saranno pericolosi per la tua salute, mentre possono portare benefici molto utili. In primis, mantenere l’equilibrio ecologico e “proteggerti” da altri ospiti sgraditi, ad esempio mangiando mosche, zanzare e altri parassiti.
Michele Mastandrea 18 Luglio 2022

Il primo impulso, per molti, è (quasi) sempre quello. Probabilmente, vale anche per te. Se vedi un ragno aggirarsi per casa tua, la tua prima intenzione sarà cercare di ucciderlo. Per paura, o anche solo per ribrezzo.

In realtà, si tratta di una decisione non solo discutibile a livello etico, ma anche poco utile a livello funzionale. Nonostante possano fare paura, i ragni sono infatti utili alleati dentro casa nostra. In questo articolo ti spiego perché.

Parola di entomologo

A suggerire che lasciare vivi i ragni trovati nelle nostre case sia una decisione intelligente è un entomologo, il professor Matt Bertone dell'Università Statale del North Carolina. Lo ha spiegato in un articolo pubblicato qualche tempo fa sul portale The Conversation, dopo aver analizzato la popolazione di aracnidi di circa 50 abitazioni nello Stato Usa del North Carolina, per capire quanti ragni ci fossero effettivamente nelle case. Ce n'erano tantissimi, spesso nascosti sotto i tetti, nella stragrande maggioranza delle volte senza mai fare capolino nelle aree visibili della casa.

"So che potrebbe essere difficile convincerti, ma lasciami provare. Non uccidere il prossimo ragno che vedi nella tua casa". Questo l'attacco scelto da Bertone nel suo pezzo, prima di passare all'elenco delle motivazioni per cui no, non dovresti far fuori i ragni che incontri nella tua abitazione.

Utili alleati in casa

I ragni infatti, spiega Bertone, se presenti in casa possono portare diversi benefici. In primis, possono essere molto utili per mangiare parassiti e altri insetti decisamente fastidiosi come mosche e zanzare, o in alcuni casi addirittura per mangiare altri ragni. Svolgono dunque un ruolo importante nell'ottica del mantenimento dell'equilibrio ecologico.

Inoltre, prosegue l'articolo di Bertone, "i ragni non vogliono prenderti e in realtà preferiscono evitare gli umani. Siamo molto più pericolosi per loro che viceversa". Per l'entomologo, va poi considerato che i morsi dei ragni sono "estremamente rari" e, a meno di pochissimi casi, la quantità di veleno all'interno del loro corpo non è pericolosa per la nostra sopravvivenza.

Di conseguenza, conclude Bertone, ci sono opzioni migliori che uccidere i ragni. Prenderli e portarli all'esterno, ad esempio, magari trasportandoli con un barattolo. Ma se hai paura anche solo a toccarli, o ad avvicinarti, potresti anche semplicemente lasciarli dove sono. Non ti succederà niente, e per la tua casa sarà solo meglio.