Sai quando è meglio seminare il tuo orto (anche considerando le fasi lunari)?

È solo superstizione o la luna può avere effetti positivi sulla coltivazione di piante e ortaggi? Numerosi scienziato storcerebbero il naso, ma altrettanti contadini continuano a ottenere buoni raccolti incrociano il calendario delle semine con le fasi lunari.
Gaia Cortese 3 Marzo 2021

Ancora oggi chi ha un orto o un giardino dove dare spazio al proprio pollice verde, tiene conto delle fasi lunari. Alcuno esperti che prediligono metodi più scientifici, sono piuttosto scettici a riguardo, ma che la luna possa avere o meno effetti positivi sulla coltivazione, non sono pochi i contadini che tengono conto delle fasi lunari per seminare e raccogliere i prodotti dei loro orti.

La fasi lunari

Le fasi lunari descrivono il diverso aspetto che la Luna mostra verso la Terra durante il suo moto, e dipendono anche dal diverso orientamento rispetto al Sole. Le fasi lunari, distinte in fase di luna crescente e di luna calante, sono quindi determinate dal moto di rivoluzione della Luna e dal suo ciclico cambiamento di posizione rispetto alla Terra e al Sole.

Luna piena

Quando la terra è posizionata tra il sole e la Luna, quest’ultima è visibile per intero, sorge alla sera e tramonta al mattino, e la parte illuminata è completamente visibile dalla Terra. In questo caso di si parla di plenilunio.

Luna nuova

Quando la luna si trova fra la terra e il sole, sorge al mattino e tramonta alla sera, si dice che la luna è nuova e in questo caso si parla di novilunio.

Luna calante

La fase di luna calante, invece, si verifica quando la parte della luna illuminata dal sole e quindi visibile dalla terra, va diminuendo. La fase calante si verifica dopo aver avuto la luna piena: giorno dopo giorno, infatti, la luna perde una piccola fetta di visibilità, fino a “sparire” del tutto nel novilunio. Come ricorda il celebre detto alla luna calante corrisponde la gobba a levante.

Luna crescente

La fase di luna crescente si verifica quando la parte visibile della luna rispetto alla terra, essendo illuminata dal sole, risulta crescente e aumenta. In pratica, a partire dalla luna nuova, guadagna giorno dopo giorno visibilità. Sempre facendo riferimento al famoso detto che aiuta a distinguere le diverse fasi lunari, la fase crescente corrisponde alla gobba a ponente.

Calendario lunare e calendario dell'orto

Ad ogni modo, per sfruttare il calendario lunare per il tuo orto, dovresti “incrociarlo” con il calendario dell’orto. Per decidere, per esempio, quando è il momento migliore per seminare, devi tener conto del calendario delle semine, che indica quali ortaggi possono essere messi a dimora in un determinato momento climatico.

In generale si suppone che la luna crescente favorisca lo sviluppo vegetale delle piante, poiché le linfe tendono a risalire verso la superficie; questo è il tempo del raccolto e della crescita. Diversamente, con la luna calante le linfe si ritirano verso le radici e la terra è feconda: questo è il tempo della semina e delle radici.

E' così che con la luna nuova viene per esempio seminata la cicoria e vengono innestati a spacco pruni e ciliegi; con la luna crescente si trapiantano lattuga, cipolle, patate e fragole, mentre si seminano pomodori, cavoli neri invernali e cavolini di Bruxelles, invidie e rape; per quanto riguarda i fiori si seminano calendule, papaveri, zinnie e viole, mentre si trapiantano gigli, campanule e crisantemi.

Con la luna piena si mettono a dimora l'aglio bianco, la cipolla bianca e rossa, le carote, la lattuga estiva, il radicchio, i piselli e gli asparagi; con la luna calante si seminano piselli, prezzemolo, basilico ed erbe aromatiche, ma vanno potati le viti e gli alberi di mele e pere.