Sempre al sole e innaffiato almeno una volta al giorno: come coltivare un bonsai olivo

Non ti serve un giardino per coltivare un olivo. La versione bonsai ti consente di far crescere un olivo in miniatura, controllandone lo sviluppo e ottenendo una pianta ornamentale molto bella. Quello che ti serve è una posizione soleggiata, tanta acqua e qualche conoscenza sulle tecniche di potatura.
Gaia Cortese 28 Febbraio 2021

Simbolo di pace, sapienza e saggezza, l’olivo (Olea europea) ha anche una sua versione bonsai, molto gradevole nell'aspetto e in grado di produrre anche delle mini olive se si sviluppa correttamente.

Rispetto ad altri bonsai più semplici da curare e mantenere, probabilmente l'olivo è meno adatto per fare pratica, soprattutto se sei alle prime armi. Può comunque considerarsi una pianta abbastanza resistente, anche grazie alla sua capacità di crescere sia in un terreno acido che in un terreno alcalino.

Coltivazione e cura

Come ottenere quindi un olivo bonsai rigoglioso? Innanzitutto il terreno deve favorire il drenaggio dell'acqua, pertanto quest'ultimo deve presentare una composizione equa tra sabbia, torba e Akadama, un componente argilloso utilizzato per la preparazione di terricci per bonsai.

Un’esposizione al sole è più che gradita (l'olivo bonsai è una pianta eliofila, che ama particolarmente il sole), mentre il freddo, per quanto sia tollerato, può rappresentare un rischio per la salute della pianta che con una gelata invernale potrebbe anche deperire.

L’innaffiatura deve essere costante, almeno una volta al giorno, e nei periodi dell'anno particolarmente caldi, anche due volte al giorno, mattina e sera. Ogni quindici giorni e solamente durante la stagione di crescita, dalla primavera fino a metà autunno, si può somministrare alla pianta di olivo anche un concime con una buona dose di potassio.

Sul finire dell'inverno è consigliata anche una bella potatura. La risposta dell'olivo non si farà attendere e già dalla primavera successiva cresceranno nuove foglie. Per la potatura di mantenimento, invece, taglia i rami che iniziano a girarsi verso l’interno e preferibilmente fallo con la luna calante.

Dentro o fuori casa?

La domanda che spesso ci si pone è dove posizionare il bonsai, se dentro o fuori casa. In questo caso, l'olivo è un bonsai che ama stare esposto a pieno sole, anche tutto l’anno. In casa può stare solo se gli viene garantita un’illuminazione costante e una posizione arieggiata, lontano da fonti di calore. Si consiglia tuttavia questa soluzione solo se all’esterno le temperature sono sotto lo zero e si temono delle gelate notturne.

Se vivi in una zona del Sud Italia, particolarmente calda, metti il tuo bonsai a mezz'ombra. Assicurati di trovare sempre la collocazione migliore per questa pianta, perché  una sistemazione errata della pianta potrebbe provocare attacchi di parassiti, come la cocciniglia, da combattere nell'immediato con un insetticida specifico.