Tutti i i consigli per coltivare i tulipani in vaso e in giardino

Importati in Europa nel XVI secolo, i tulipani sono fiori estremamente resilienti (i bulbi possono durare diversi anni) che si possono coltivare sia in terra piena che in vaso. Ecco come.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Ohga
Francesco Castagna 9 Agosto 2023

Simbolo nazionale dell’Olanda il tulipano (Tulipa) è un fiore appartenente al genere delle Liliaceae. Dalle montagne del Pamir, dell’Hindu Kush e del Tien Shan, in Asia, il tulipano arriva in Europa nel 1554, grazie all’ambasciatore fiammingo Ogier Ghislain de Busbecq che invia alcuni bulbi a Carolus Clusius, botancio e responsabile dei giardini reali olandesi.

Quest’ultimo coglie l’occasione per sviluppare e coltivare diverse varietà di tulipani e da lì, a qualche decennio, in Olanda prende piede un’abbondante coltivazione di tulipani su tutto il territorio. Se ti stai invece chiedendo quale sia l’origine del nome di questo fiore, questa va ricercata sempre in Turchia, dove il nome Tullband significa “copricapo”, “turbante”, e ricorda nella forma questo bellissimo fiore. Il tulipano è un fiore che si può coltivare in giardino, così come anche in vaso. Basta seguire queste poche regole relative alla profondità e alla distanza a cui piantarli, la quantità di acqua da dare e la posizione preferibilmente in mezz'ombra.

Quando piantare i bulbi di tulipano: da inizio settembre a metà ottobre

Se hai a disposizione un giardino, assicurati di avere un terreno ricco e ben drenato, meglio ancora se argilloso; in ogni caso, aggiungendo della torba, riuscirai a renderlo più fresco e leggero. Altra alternativa è aggiungere poca sabbia al terriccio comune. I bulbi dei tulipani devono essere interrati in autunno a una profondità pari a due volte il loro diametro, sempre con la punta rivolta vero l’alto e a circa una ventina di centimetri l’uno dall’altro.

Per poter godere della fioritura dei tulipani in primavera, occorre piantarli in autunno, tra ottobre e novembre, assicurandosi di farlo prima dell’arrivo delle prime gelate.

I bulbi vanno interrati a una profondità pari a due volte il loro diametro.

Febbraio e giugno sono invece i mesi in cui occorre occuparsi della concimatura del terreno.

Come coltivare i tulipani in giardino

Come già accennato, i bulbi devono essere interrati a una profondità che si regola con il loro diametro e a una distanza di 15 o 20 cm l’uno dall’altro. Se poi conosci il colore dei tulipani che stai piantando, puoi creare delle combinazioni cromatiche disponendoli secondo le tue preferenze.

Terreno e concimazione

Il terreno ideale per la coltivazione dei tulipani è di tipo argilloso o sabbioso e con una buona capacità di drenaggio. Se è necessario, puoi aggiungere al terreno un buon compost.

Innaffiatura

I bulbi dei tulipani dovrebbero essere innaffiati ogni due, tre giorni, in particolare se non piove spesso. Se l'inverno dovesse essere molto piovoso, puoi evitare del tutto le innaffiature. I tulipani temono i ristagni, quindi fai attenzione a non esagerare mai con la quantità di acqua.

Fioritura

Il periodo di fioritura dei tulipani corrisponde alla primavera e può considerarsi terminata quando le foglie iniziano ad essiccarsi completamente (e da questo momento si possono iniziare a recidere).

Come coltivare i tulipani in vaso

Se non hai un giardino, ma non vuoi rinunciare ai tulipani, rivolgiti in un vivaio che abbia anche le varietà con gli steli più corti, come quelli precoci e botanici che si adattano bene anche a essere coltivati in vaso. Scegli un buon vaso  e riponi sul fondo alcuni sassolini in modo da evitare i ristagni. Posiziona i bulbi ad una distanza di almeno 10-15 cm l’uno dall’altro.

Malattie e parassiti

Il tulipano è un fiore che difficilmente viene attaccato da malattie e parassiti. Uno dei maggiori rischi è tuttavia la muffa Botrytis Tulipae che può far marcire la pianta. Se invece trovi dei buchi nelle foglie, è possibile che i tuoi tulipani siano stati attaccati da insetti come millepiedi, coleotteri, maggiolini, acari e lumache. Il modo migliore per proteggere i tuoi fiori, è creare delle trappole fai da te, che consistono in un semplice bicchiere interrato riempito di birra, da sostituire ogni due giorni.

Un altro trucco assolutamente naturale che allontana i parassiti è il prezzemolo: ti basterà piantare i semi del prezzemolo nello stesso vaso per far durare più a lungo la pianta.

(Scritto da Gaia Cortese il 1 marzo 2021, 
modificato da Francesco Castagna il 9 agosto 2023)