Tutte le proprietà della bardana per la bellezza della pelle e dei capelli

In commercio sono diverse le creme di bellezza realizzate con l’estratto della bardana. E non sorprende perché questa radice ha proprietà seboregolatrici e antinfiammatorie che possono aiutarti a contrastare il problema della pelle grassa, dell’acne, ma anche della forfora e del prurito alla testa.
Gaia Cortese 13 Gennaio 2021

Diffusa dall’Europa al Nord America, la bardana è una radice che cresce spontaneamente anche in Italia. Dalla pianura alla montagna, questa pianta erbacea cresce facilmente nei terreni più incolti, lungo i sentieri e vicino ai muri vecchi e si riconosce facilmente per le foglie a forma a cuore e dalle sfumature che vanno dal verde al grigio e per i caratteristici fiori color porpora.

I fiori della bardana, infatti, sono assemblati in corimbi e racchiusi in un involucro verde a forma di fiasco, munito di brattee uncinate; quando matura il frutto, le brattee si attaccano al pelo degli animali o agli abiti  e si fanno trasportare in giro colonizzando il territorio, una caratteristica che si pensa possa aver ispirato l'invenzione del velcro.

Ha un aspetto piuttosto ispido, tant’è che il suo nome botanico è Arctium che in greco antico significa “orso”, ma ne sono riconosciute le numerose proprietà benefiche nell’ambito estetico, soprattutto per la cura della pelle e dei capelli, impossibile quindi non apprezzarla.

Come utilizzare la bardana

Proprietà

La radice di bardana, infatti, viene utilizzata per alleviare alcune affezioni della pelle, tra cui le dermatiti seborroiche, l’acne, l'herpes, l’eczema e altre patologie che possono essere ricondotte a un disequilibrio metabolico. Applicata come balsamo su una pelle segnata dai punti neri, può essere impiegata come purificante, ma anche un impacco può aiutare  a migliorare l’aspetto della pelle grassa o mista.

Creme e maschere che trovi in commercio e che contengono almeno il 60% di estratto della pianta, di norma sono un ottimo rimedio per migliorare l’aspetto della pelle e in particolare quella del viso.

Avendo un’azione seboregolatrice, e quindi normalizzando il rilascio di sebo, la bardana è utile anche per contrastare la forfora e il prurito alla testa. Allo stesso tempo, infatti, la bardana ha anche un’azione idratante del cuoio capelluto.

Ricette

Ricette per capelli

Per il cuoio capelluto grasso puoi utilizzare direttamente il succo delle foglie fresche di bardana, ricavato con un estrattore, e procedere quindi a delle frizioni sulla testa.

Ricette per la pelle

Se vuoi purificare la pelle, puoi ottenere un’azione disintossicante dal decotto di bardana. Procurati in erboristeria la radice sminuzzata di bardana e versane un cucchiaio in una tazza di acqua fredda. Metti sul fuoco e porta a ebollizione, poi spegni la fiamma e lascia in infusione per una decina di minuti. Filtra l’infuso e bevilo lontano dai pasti.

Questo decotto può essere utilizzato anche come lozione per uso topico, destinato a pelli grasse o miste, con presenza di punti neri e predisposte all'acne o alla seborrea.

L'alternativa al decotto è sempre l'assunzione della tintura madre: bastano 40 gocce in poca acqua due volte al giorno, per non più di un mese, per un'azione disintossicante e disinfiammante della pelle.

Controindicazioni

Non esistono particolari controindicazioni o effetti collaterali per l'assunzione della bardana. Solo in caso di allergia alle piante della famiglia delle Asteraceae, potrebbe verificarsi un episodio di tipo allergico. Meglio evitarne comunque l'assunzione se si stanno assumendo dei farmaci ipoglicemizzanti, perché potrebbe verificarsi un'interazione.