Un biglietto di auguri di Natale per sostenere la riforestazione in Guatemala e in Perù

“Lascia il segno con un albero” è il manifesto all’iniziativa ambientalista lanciata da zeroCO2 in collaborazione con sei artisti. Acquistando l’illustrazione di un albero chiunque può prendere parte al progetto di piantumazione avviato in alcune aree del Guatemala e del Perù.
Gaia Cortese 28 Novembre 2022

C’è l’albero del cacao di Alterales, l’avocado di Maria Corte, l'arancio di Martoz, il Palo Brazil Pernambuco di Maicol & Mirco, un albero in via di estinzione nella foresta amazzonica del Perù. Tutti alberi disegnati da noti illustratori e fumettisti con lo scopo di lasciare un segno e aiutare a contrastare il cambiamento climatico in atto di cui tutti siamo testimoni, con i mezzi a disposizione.

A partire da oggi zeroCO2, B Corp impegnata nella sostenibilità ecosistemica attraverso progetti di riforestazione ad alto impatto sociale, sostiene un’originale iniziativa ambientalista che vede nella riforestazione del pianeta un'azione fondamentale per sostenere la lotta all'attuale crisi  climatica.

Con il manifesto “Lascia il segno con un albero”, zeroCO2 ha lanciato la propria campagna di Natale avvalendosi della collaborazione di sei artisti che hanno prodotto delle illustrazioni interpretando la raffigurazione di un albero.

Avere un impatto positivo sul pianeta può essere semplice, proprio come disegnare un albero.

Ogni artista lo ha fatto in modo diverso e personale, riflettendo sull’importanza delle specie vegetali per la salvaguardia dell’ambiente e restituendo come risultato sei bellissime illustrazioni acquistabili sul sito di zeroCO2. Per ogni illustrazione acquistata verrà piantato un albero in determinate aree del Guatemala e del Perù, due dei paesi al mondo più danneggiati dal processo di deforestazione degli ultimi decenni.

Chi acquista una di queste opera artistiche, in un secondo tempo può decidere se mantenere il disegno in formato digitale o stamparlo, preferibilmente su carta riciclata o tree-free, trasformandolo così in un originale biglietto di auguri di Natale allo scopo di veicolare il messaggio dell’iniziativa.

Chi “adotta” un albero in questo modo può seguirne la crescita e monitorarne lo stato di salute attraverso aggiornamenti periodici e la posizione GPS, resi disponibili attraverso l’innovativo sistema di tracciamento CHLOE, una sorta di etichetta con codice QR che viene associata alla pianta nel momento della sua piantumazione.

“Tuttə sappiamo disegnare un albero. È forse la prima cosa che impariamo a tracciare su un foglio – ha dichiarato Nicolò Pesce, Head of creativity di zeroCO2 e responsabile del progetto -. Per questa campagna siamo partiti dell'idea che avere un impatto positivo sul pianeta può essere semplice, proprio come disegnare un albero. Tutti sappiamo e possiamo farlo. Ognuno ci mette le sue abilità e la sua voglia di fare: c’è chi è nato illustratore e chi invece non riesce ad andare oltre allo scarabocchio. È qui che intervengono gli artisti, come facilitatori e ambasciatori del messaggio di questa campagna che unisce arte, scienza e sostenibilità per lasciare un segno con un albero! Il linguaggio dell’arte è potente perché è universale, e tutto, con le nostre diverse sensibilità, sappiamo coglierlo.”