Come conservare le patate nel modo corretto (ed evitare che germoglino)

Mai nel frigorifero, ma sempre in un luogo asciutto, lontano dalla luce e dall’umidità. Meglio un sacco in rete, e magari due mele che inibiscano la germogliazione, Ecco qualche trucco della nonna per conservare in modo corretto le patate.
Gaia Cortese 11 Gennaio 2021

È sempre utile avere una scorta di patate in casa. Anche all'ultimo momento si possono preparare numerose ricette a base di questi tuberi, come una vellutata per riscaldare una serata invernale, una torta salata per aggiungere una portata all'antipasto, o un contorno apprezzato da tutti come una purea o delle semplici patate al forno.

Il problema delle patate è tutto nella conservazione, perché prima o poi a chiunque è successo di vederle germogliare. Se infatti le patate non vengono conservate in un luogo fresco, lontano dalla luce e dall’umidità, in poco tempo si formano dei veri e propri germogli che possono pregiudicare la commestibilità o meno della patata.

Le patate con i germogli si possono mangiare?

In effetti, una domanda che vien posta spesso è: le patate con i germogli si possono mangiare? Dipende. Se i germogli sono numerosi, la patata avrà quasi sicuramente un aspetto asciutto e una pelle rugosa, insomma, niente meno che una patata vecchia. Oltretutto una patata che germoglia non solo perde una grande quantità di amico e di acqua, ma si caratterizza per alte concentrazioni di solanina proprio dove germoglia e il gusto ne risente parecchio.

Diversamente se la patata che germoglia è ancora soda e compatta, e ha una buccia liscia e soda, si può ancora mangiare. In questo caso va eliminata la buccia e una parte consistente della patata sotto il germoglio, proprio dove si concentra la solanina. Questa sostanza, che oltretutto è potenzialmente tossica per l'uomo, la cottura della patata si disperde, e comunque, in piccole dosi, l'organismo riesce a smaltirla  senza problemi.

Ad ogni modo meglio evitare i germogli e imparare a conservare questi tuberi ne modo più appropriato. Vediamo come.

Come conservare le patate

Una volta tagliate, le patate devono essere consumate velocemente. Possono essere conservate in acqua fredda al massimo per un giorno e comunque non devono essere mai lavate prima della loro conservazione perché quello che temono è proprio l'umidità. Se alcune parti della patata dovessero assumere un colore tendente al verdastro, assicurati di eliminare il pezzo rovinato.

Sacchi di rete

Le patate possono essere conservate in un sacco di rete, d'altronde così vengono vendute e così vanno conservate. Evita di utilizzare contenitori ermetici, che toglierebbero aria ai tuberi facendoli deperire velocemente. 

Un paio di mele

Se aggiungi un paio di mele in una cesta dove conservi le patate, potrai essere abbastanza sicuro di non vedere germogli.  L’etilene rilasciato da questi frutti, infatti, inibiscono la germogliazione.

Belle e brutte vanno divise

Un altro trucco per non vedere germogli è quello di suddividere le patate in buono stato da quelle in cattivo stato; quelle ammaccate, per esempio, tenderanno a germogliare prima delle altre, e per questo motivo devono essere utilizzate nel giro di un paio di giorni al massimo.

Mai in frigorifero

Le patate non possono essere conservate in frigorifero, Le temperature basse dell'elettrodomestico trasformano l’amido delle patate in zucchero facendogli assumere un sapore dolciastro, e ovviamente ne pregiudica la qualità. Se hai fatto questo errore, non preoccuparti, c’è comunque un rimedio. Prima di cucinarle. ti basterà far scaldare leggermente le patate a temperatura ambiente.