Come preparare la confettura di mele fatta in casa

Per preparare una marmellata homemade ci vuole un po’ di pazienza. Anche la preparazione della confettura di mele richiede tempo, ma una volta pronta, potrai gustarla, oltre che su pane e fette biscottate, anche come ripieno per strudel, crostate e biscotti.
Gaia Cortese 26 Aprile 2021

Sulle fette biscottate a colazione, come ripieno di crostate e biscotti, o ancora come ripieno per il tradizionale strudel di mele. Sono numerosi i motivi per preparare in casa una confettura di mele, soprattutto nella stagione in cui le trovi più mature e piene di gusto. Le varietà di mele sono tantissime, ma per preparare una confettura l'ideale è procurarsi, oltre allo zucchero e a mezzo limone, un chilo e mezzo di Renetta o Golden Delicious.

La varietà Renetta, regina indiscussa delle mele, è riconoscibile per la buccia gialla con striature scure e, non a caso, è la più usata nei classici dolci altoatesini, come lo strudel e le frittelle. Diversamente la Golden delicious è apprezzata soprattutto per il suo sapore dolciastro e per essere molto versatile in cucina sia per ricette dolci che salate.

Vediamo, passo per passo, come preparare una buona confettura di mele in casa, rielaborando un po' la ricetta della classica varenje, la marmellata russa che si contraddistingue per la consistenza particolare molto simile a uno sciroppo con pezzi di frutta. In alternativa, passa nel passaverdure i pezzi di mela ammorbidita per ottenere una consistenza più vellutata.

Confettura di mele

Ingredienti:

  • 1,5 kg di mele
  • 1 kg di zucchero semolato
  • un limone (solo la scorza)

Procedimento

Come prima cosa, inizia a sbucciare le mele, togli il torsolo e poi tagliale a pezzetti. Mettile in una pentola capiente dai bordi piuttosto alti e aggiungi lo zucchero (un chilo) e la scorza di mezzo limone, quindi solo la parte gialla della buccia. Metti sul fornello e porta a ebollizione mantenendo la fiamma molto bassa. Fai bollire dolcemente per 10 minuti, senza mescolare; poi spegni il fuoco e lascia riposare per 6-8 ore.

Trascorso il tempo, riaccendi il fuoco e ripeti lo stesso procedimento: porta a ebollizione a fiamma bassa e fai bollire per 10 minuti, sempre senza mescolare. Poi lascia raffreddare e riposare nuovamente il tutto.

A questo punto, è arrivato il momento dell’ultima cottura. Sempre a fiamma bassa, lascia cuocere per una ventina di minuti: il liquido dovrebbe ritirarsi e le mele dovrebbero assumere un colore dorato un po’ scuro. Mescola piano evitando di rovinare le mele che rischiamo ormai di spappolarsi.

Per verificare che la marmellata sia pronta o meno, procedi con la solita prova del piattino: metti un cucchiaino di confettura su un piatto e controlla la densità della stessa. Se la marmellata scivola giù, probabilmente la cottura non è ancora ultimata. In caso contrario, se la confettura di mele è pronta per l’invasamento, togli la scorza di limone e lasciala raffreddare. Appena sarà tiepida, può essere trasferita nei barattoli di vetro precedentemente lavati e sterilizzati.

Una volta riempiti, chiudi i barattoli ermeticamente con il coperchio e capovolgili per dare inizio alla fase del sottovuoto. Tienili così almeno 10 minuti, poi raddrizzali e conservali in un luogo fresco e asciutto.