Come si curano i brufoli e le buone abitudini da adottare per la pelle

Se non indicato espressamente, le informazioni riportate in questa pagina sono da intendersi come non riconosciute da uno studio medico-scientifico.
l brufolo sono dolorosi e antiestetici e sono causati da pori ostruiti, che possono infiammarsi a causa di una produzione eccessiva di sebo o di cellule morte. Purtroppo, sono molto comuni, soprattutto in giovane età. Vediamo, però, come si possono curare.
Valentina Rorato 30 Dicembre 2021

I brufoli sono una delle manifestazioni principali dell’'acne, che si verifica quando le ghiandole della pelle producono e secernono troppo olio, chiamato sebo. Il sebo, insieme alle cellule morte, può ostruire i pori, provocando infiammazione, foruncoli o punti neri.  Come si curano?

Che cos’è

I brufoli sono un’alterazione della pelle, formata da piccoli rilievi cutanei rossi e spesso contenenti siero o pus. E si formano principalmente sul viso, sulla fronte, sul petto, sulle spalle e sulla parte superiore della schiena. Ci sono una varietà di cause tra cui la genetica, i livelli ormonali fluttuanti, lo stress, l'elevata umidità e l'uso di prodotti per la cura personale oleosi o grassi.

Sono anche uno dei sintomi più comuni di acne, una condizione infiammatoria della pelle in cui i pori sono bloccati da peli, sebo, batteri e cellule morte. Queste ostruzioni producono punti neri, brufoli, noduli e altri tipi di brufoli. Se hai l'acne, sappi che non sei solo. Si stima che l'80% delle persone di età compresa tra 11 e 30 anni avrà almeno una forma lieve di acne e la maggior parte delle persone ne sarà colpita ad un certo punto della propria vita. E ciò vuol dire che prima o poi nella vita avrai dei brufoli da curare.

Tipi di acne

L’acne si manifesta in diversi modi, fai quindi attenzione se dovessero comparire:

  • Punti neri: protuberanze aperte sulla pelle che si riempiono di olio in eccesso e pelle morta. Sembra che lo sporco si sia depositato nella protuberanza, ma le macchie scure sono in realtà causate da un riflesso irregolare della luce dal follicolo ostruito.
  • Punti bianchi: pori che rimangono chiusi da olio e pelle morta.
  • Papule: piccole protuberanze rosse o rosa che si infiammano.
  • Pustole: brufoli contenenti pus. Possono causare cicatrici se vengono toccati
  • Acne fungina (follicolite da pityrosporum): questo tipo si verifica quando si sviluppa un eccesso di lievito nei follicoli piliferi. Può dare prurito e dolore
  • Noduli: brufoli solidi che sono in profondità nella pelle. Sono grandi e dolorosi.
  • Cisti: brufoli pieni di pus.

Cause

Le cause dei brufoli sono diverse e in base alla causa puoi intervenire con una cura specifica ed efficace. Potrebbe quindi essere provocata da:

  • Livelli ormonali fluttuanti durante il periodo del ciclo di una donna.
  • Abbigliamento, copricapo, come cappelli e caschi sportivi, o mascherina
  • Inquinamento atmosferico e determinate condizioni meteorologiche, in particolare l'umidità elevata.
  • Usare prodotti per la cura personale oleosi o grassi (come lozioni pesanti, creme o pomate e cere per capelli) o lavorare in un'area in cui si entra abitualmente a contatto con il grasso (come lavorare in un ristorante dove ci sono superfici di cibo unte e olio per friggere).
  • Lo stress, che aumenta l'ormone cortisolo, può anche causare l'acne divampare.
  • Alcuni farmaci
  • Genetica

Come si curano

La cura dei brufoli, come abbiamo anticipato, dipende molto dalla causa. Il tuo medico potrebbe suggerire alcuni farmaci senza prescrizione medica, se è una condizione lieve, come l’acido salicilico, il perossido di benzoile, l’acido azelaico o i retinoidi (derivati dalla vitamina A). Per le donne, talvolta, potrebbe essere consigliabile l’assunzione di contraccettivi ormonali, a base di estrogeni e progesterone.

Se l’acne è causata da infezione batterica, per esempio lo stafilococco aureo, potrebbe essere necessario l’applicazione di una pomata antibiotica o, nei casi più gravi, anche l’assunzione di una terapia per via orale. Inoltre, il medico potrebbe suggeriti anche le seguenti opzioni:

  • Steroidi. Raramente, gli steroidi possono essere usati per trattare l'acne grave o iniettati in grandi noduli per ridurre l'infiammazione.
  • Laser. Attualmente, i laser sono usati principalmente per curare le cicatrici da acne. Un laser fornisce calore al collagene sfregiato sotto la pelle, questo si basa sulla risposta di guarigione della ferita del corpo per creare nuovo collagene sano. Questo incoraggia la crescita di nuova pelle per sostituirla. Esistono diversi tipi di laser resurfacing: ablativo e non ablativo. Il tuo dermatologo determinerà quale tipo è il migliore per il tuo tipo di pelle e la natura delle cicatrici da acne.
  • Peeling chimici. Questo trattamento utilizza sostanze chimiche speciali per rimuovere lo strato superiore della vecchia pelle. In genere, ogni volta che viene rimosso lo strato superiore, la nuova pelle che cresce è più liscia e può ridurre le cicatrici da acne.

Abitudini per la cura della pelle

Mentre segui le terapie prescritte dal medico, ci sono delle abitudini per la cura della pelle che i dermatologi consigliano:

  • Lavarsi almeno due volte al giorno e dopo aver sudato. La sudorazione, soprattutto quando indossi un cappello o un casco, può peggiorare l'acne.
  • Usa la punta delle dita per applicare un detergente delicato e non abrasivo. L'uso di una salvietta, una spugna a rete o qualsiasi altra cosa può irritare la pelle.
  • Sii gentile con la tua pelle. Usa prodotti delicati, come quelli senza alcool. Non utilizzare prodotti che irritano, tra cui astringenti, tonici ed esfolianti. La pelle secca e arrossata peggiora l'acne.
  • Strofinare la pelle può peggiorare l'acne. Evitalo.
  • Risciacquare con acqua tiepida
  • Fai uno shampoo regolarmente, se hai i capelli grassi.
  • Lascia che la tua pelle guarisca naturalmente. Non toccare i brufoli e non schiacciarli o la cute impiegherà più tempo a schiarirsi e aumenterai il rischio di cicatrici da acne.
  • Tieni le mani lontane dal viso. Toccare la pelle durante il giorno può causare riacutizzazioni.
  • Stai lontano dal sole e dai lettini abbronzanti. L'abbronzatura danneggia la pelle. Inoltre, alcuni farmaci per l'acne rendono la pelle molto sensibile alla luce ultravioletta (UV), che si ottiene sia dal sole che dai dispositivi abbronzanti interni.

Fonte | Humanitas