Ecco i consigli di Ohga per un albero di Natale sostenibile, basta sostituire il verde con il green

Cosa farai questo Natale? Comprerai il classico albero poco elegante e che ormai non va più di moda? Perché non scegliere delle alternative rispettose del nostro Pianeta? Ecco come fare.
Francesco Castagna 1 Dicembre 2022

Si avvicina la festa dell'Immacolata, la festa che cade l'8 dicembre dove per tradizione si fa l'albero di Natale e comincia ufficialmente il periodo natalizio. Il primo pensiero è fare l'albero di Natale, ma come? Se lo avete già in cantina sicuramente non dovrete acquistarlo di nuovo e dovrete occuparvi esclusivamente delle decorazioni. Se invece il vostro albero è rovinato, o non lo avete mai comprato e volete inaugurare la vostra casa, allora sappi che esistono numerose scelte sostenibili per l'Ambiente. Per questo Natale, dato il periodo, cerchiamo di fare un regalo più al Pianeta che a noi: facciamolo sostenibile.

Innanzitutto partiamo dal fatto che, se non lo sapevi, un albero di Natale vero è molto più ecosostenibile rispetto a uno artificiale. Se hai deciso di comprare un albero di Natale per metterlo in giardino o dentro casa, rivolgiti a chi vende questo tipo di piante vere, piuttosto che a un negozio che ti propone una versione finta. Ma in realtà noi di Ohga ti consigliamo di abbandonare questa idea che a Natale dobbiamo necessariamente scomodare gli alberi. Lasciamo la natura dov'è, e non inquiniamo con quelli artificiali.

Dalle stime di Coldiretti infatti “un albero artificiale di circa 1,90 metri ha un’impronta di carbonio equivalente a circa 40 chili di emissioni di gas serra”, anche se per via della siccità che ha colpito il nostro Paese nel 2022 è la stessa Coldiretti a segnalare una forte mancanza di alberi di Natale. La perdita è stata del 10% e per via della mancanza di piogge, la maggior parte di quelli sopravvissuti sono danneggiati o secchi.

Da una parte abbiamo la mancanza delle materie prime e l'assoluta necessità di abbandonare qualsiasi cosa non riciclabile, dall'altra i fenomeni atmosferici stanno mettendo a serio rischio la possibilità di vendere in grandi quantità l'albero simbolo del Natale: l'abete.

Albero concettuale

Come ti dicevamo, nel 2022 -prossimi al 2023- esistono tante alternative al classico albero natalizio, che rimandano anche al concetto della pianta. Un esempio è quello di creare con delle luci natalizie appese al muro la forma ondeggiante dell'albero. È come se noi lo vedessimo frontalmente e ne riconoscessimo la forma sulla base di come vengono disposte le ghirlande. Oppure opta per quello da appendere a muro, stilizzato e con i rami: una splendida decorazione da parete. C'è chi fa la forma dell'albero con dei libri capovolti a pancia in giù, creando pian piano una piramide di libri. Alcuni lo fanno con fogli vecchi di giornale, altri ancora con i rotoli della carta igienica.

Luci e ghirlande

Sicuramente sarebbe meglio evitare che quest'albero voi lo ordiniate online, meglio andarlo a comprare fisicamente, specialmente se potete farlo in un negozio di quartiere e non in un grande centro commerciale. Per quanto riguarda le luci invece, sempre meglio evitare di usare quelle tradizionali. Meglio quelle a led, non solo ti aiuteranno a risparmiare sulla bolletta di dicembre, ma daranno una gran mano al Pianeta con un taglio delle emissioni legate alla produzione di energia. Se invece volete proprio superarvi, esistono online dei modelli di luci decorative alimentate da un piccolo pannello solare da posizionare in un punto di luce. Basta ricercare "albero di natale con pannello solare" e il gioco è fatto.

Per quanto riguarda le ghirlande le parole d'ordine sono due: riciclo e riutilizzo. Dagli scatoloni dell'anno precedente riusa tutto quello che può servirti utile per creare anche questa volta una festa magica. Il resto usalo per cercare di realizzare dei lavoretti. Aiutati con i siti di decoupage online, sono pieni di lavori simili. Noi di Ohga ne abbiamo parlato più volte, cercando di darti il più possibile dei consigli utili per decorare il tuo Natale in modo sostenibile.

Come ti abbiamo suggerito durante le scorse festività, fai una passeggiata per la tua città e raccogli dei rami secchi, bacche o sassolini che possono essere molto utili per realizzare le tue decorazioni. Non ha senso comprare delle cose riprodotte in plastica, quando è la natura stessa che ce le fornisce, non pensi?