Ecoturismo: la definizione di un nuovo modo di viaggiare responsabilmente

È l’abbreviazione di turismo ecologico ed è una maniera del tutto nuova di vivere le tue vacanze. Potrai rilassarti e scoprire cose nuove, senza inquinare e senza avere un impatto ambientale negativo sul territorio e sulle popolazioni locali.
Simona Cardillo 17 ottobre 2018

Avrai spesso sentito parlare di ecoturismo. Si tratta di un modo diverso di pensare al viaggio. In un’ottica consumistica e moderna, oggi le vacanze hanno assunto un connotato di relax e divertimento, senza nessuna attenzione per l’ambiente o l’impatto ambientale.

Per fortuna però sta nascendo un nuovo filone di pensiero che considera l’aspetto ecologico anche quando si parla di turismo. Questo significa aver rispetto della natura e del nostro pianeta senza rinunciare a viaggiare e rilassarsi durante le ferie.

Quando senti parlare di ecoturismo, sicuramente ti verrà automatico pensare che ci si riferisca al turismo sostenibile e al turismo responsabile. In realtà, questa associazione non è del tutto corretta. Questi tre termini infatti indicano cose diverse anche se, almeno in parte, i concetti si sovrappongono:

  • Il turismo sostenibile esamina l'impatto turistico a livello ambientale, in termini di inquinamento e sostenibilità, del turismo.
  • L'ecoturismo (abbreviazione di "turismo ecologico") indica in generale un viaggio che ha come scopo quello di immergersi nella natura, goderne a pieno e vivere una vacanza in un contesto ambientale naturale.
  • Il turismo responsabile considera l'impatto dell'impatto di un viaggio sugli abitanti locali e più in generale sulla loro vita economica e sociale.

Però, come ti dicevo prima, i tre termini nel tempo hanno finito per avvicinarsi e anzi, oggi, ecoturismo significa scegliere un viaggio naturale che si preoccupa sia dell'impatto ambientale sia di quello sulla popolazione locale.

Il primo a introdurre il concetto di ecoturismo fu, nel 1988, un architetto messicano ambientalista, Hector Ceballos-Lascurain, che parlò di viaggiare in luoghi naturali con l'obiettivo di “studiare, ammirare e apprezzare lo scenario”. L’idea fu considerata utile ed ecologica a tal punto, che le Nazioni Unite dichiararono il 2002 l’anno internazionale dell’ecoturismo.

Viaggiare in aree naturali relativamente indisturbate o incontaminate con lo specifico obiettivo di studiare, ammirare e apprezzare lo scenario, le sue piante e animali selvaggi, così come ogni manifestazione culturale esistente (passata e presente) delle aree di destinazione (Hector Ceballos-Lascurain)

Come si fa ecoturismo?

Ecoturismo significa quindi organizzare un viaggio in un'ambientazione naturale, in un parco, in un'oasi naturalistica, in montagna o, ancora, in un bosco o in campagna. Tutti gli aspetti del tuo viaggio devono essere consapevoli e responsabili, dalla meta ai mezzi, dalla sistemazione notturna alle attività che farai durante il soggiorno.

Scegli una struttura o una sistemazione che espone l'etichetta Ecolabel, un marchio europeo che certifica il basso impatto ambientale di un prodotto o di un servizio offerto. In questo modo sarai certo di avere alle spalle una garanzia sicura e certificata.

Durante il tuo viaggio non devi dimenticare di avere comportamenti e abitudini ecologiche, come:

  • evitare di lasciare in giro i tuoi rifiuti
  • non utilizzare bottiglie di plastica
  • spostarti a piedi, in bicicletta o con mezzi a impatto zero
  • lasciare i luoghi che stai visitando nelle stesse condizioni, se non migliori, di quelle in cui li hai trovati
  • non raccogliere souvenir naturali come pietre, rocce, sabbia
  • mangia prodotti sani e preferibilmente locali

Quali sono le attività del turismo ecologico?

Se hai deciso di iniziare questa avventura e organizzare una vacanza ecologica, ti starai sicuramente chiedendo: "Ma cosa posso fare una volta arrivato a destinazione?". Le risposte a questa domanda sono tantissime, così come le attività ecoturistiche.

Documentati prima sulla realtà locale, naturale e sociale che stai per visitare. Scoprirai che ogni località ha un mondo da scoprire che ti permetterà di conoscere cose nuove ed entusiasmanti.

Ecco alcune attività che puoi praticare se scegli l'ecoturismo:

  • immersioni in aree marine protette
  • trekking e itinerari naturali
  • escursioni a cavallo
  • birdwatching
  • itinerari enogastronomici alla scoperta dei prodotti locali
  • gite in bicicletta in montagna o percorsi naturali
  • visite a oasi o parchi naturali in zona

Scegliere l'ecoturismo

Scegliere l’ecoturismo significa quindi viaggiare verso aree naturali, preservando l’ambiente e gli ecosistemi presenti nei luoghi visitati, senza sfruttare in maniera egoistica le popolazioni locali, ma anzi migliorando il loro benessere. In questo modo non solo noi potremo godere di spettacoli e paesaggi naturali bellissimi, ma l’ambiente ci ringrazierà perché non parteciperemo allo sfruttamento di territori e di oasi naturali che negli anni stanno diventando mete turistiche (leggi consumistiche) e stanno così perdendo il loro valore ambientale.

Non pensare però che durante il tuo viaggio green ti annoierai guardando paesaggi e scenari belli ma ripetitivi. Sono moltissime le attività che potrai svolgere se sceglierai l’ecoturismo: dal trekking alle escursioni naturali, dalle immersioni guidate alle passeggiate a cavallo, senza dimenticare gli itinerari enogastronomici e archeologici per conoscere e godere al massimo delle bellezze e dei prodotti tipici locali.

Rivaluta il tuo concetto di turismo e prova anche tu a fare una vacanza diversa e all’insegna della natura. Potrai divertirti, scoprire cose nuove, senza inquinare o influire negativamente sull’ambiente.