Fresca, essiccata o sott’olio: tutti i metodi per conservare la menta

Difficile non apprezzarne il profumo intenso, ancora di più doverne fare a meno nella stagione in cui la pianta non produce molte foglie. Ecco quindi come puoi utilizzarla anche nella stagione invernale, conservandola in frigo, in freezer, essiccata o addirittura sott’olio.
Gaia Cortese 14 Gennaio 2021

Il modo più semplice per avere sempre della menta a portata di mano è coltivarla sul proprio balcone di casa. In estate potrai raccoglierne le foglie e apprezzare il suo profumo intenso, in inverno potrai utilizzarla in cucina, se l’avrai conservata come si deve.

I metodi di conservazione della menta sono molteplici, perché trattandosi di un'erba aromatica puoi conservarla fresca o essiccata, dipende sempre dall’uso che vuoi farne.

Menta fresca in frigorifero con carta da cucina

Se vuoi conservare la menta fresca per un paio di settimane, puoi metterla in frigorifero. Prendi quindi un paio di fogli di carta da cucina, appoggiali uno sopra l’altro e piegali a metà. A questo punto inumidisci leggermente la carta con acqua fredda e strizzala bene con le mani. Poi metti la menta sulla carta e arrotolala delicatamente. Infine, metti la menta in un sacchetto per alimenti o in un contenitore chiuso ermeticamente e conservala in frigorifero, fino a 2-3 settimane.

Menta fresca in freezer

Dopo aver staccato le foglioline di menta dai rami della pianta, sciacquale sotto l’acqua corrente. Poi prendi uno stampo per fare i cubetti di ghiaccio e metti 3 o 4 foglie di menta all’interno di ogni spazio. Riempi ogni spazio con un po’ di acqua e metti lo stampo in freezer. Quando dovrai utilizzare le foglie di menta, dovrai far scongelare i cubetti di ghiaccio all’interno di un colino. La menta fresca in freezer si conserva fino a un mese.

In alternativa puoi mettere le foglie sulla carta da forno, ben distanziate, e poi farle congelare in freezer in questo modo. Una volta congelate, per organizzare meglio gli spazi, metti le foglie in un sacchettino per alimenti e infilale nuovamente nel freezer.

Menta essiccata

Per essiccare la menta, la prima cosa che devi fare è lavarla e farla asciugare su un vassoio o una teglia ricoperta con carta da cucina, naturalmente dopo aver ben distanziato bene le foglioline. Per coprire la menta usa un altro foglio di carta da cucina e lascia riposare in un luogo asciutto almeno una settimana. Una volta essiccata, la menta deve essere conservata all’interno di un barattolo di vetro ben chiuso, e qui può rimanere diverse settimane.

In alternativa puoi usare il forno da cucina. Impostalo alla temperatura di 60°C, poi spegnilo e metti subito al suo interno le foglioline di menta ben distanziate su una teglia. In poco più di 10 minuti le foglioline di menta dovrebbero essiccare.

Un altro metodo, sicuramente il meno laborioso, è quello di appendere i rami di menta dalla parte dello stelo, in un luogo buio e arioso. Ricordati che una volta essiccata la menta deve sempre essere conservata in un barattolo di vetro.

Menta sott’olio

Un'altra tecnica per conservare la menta è la macerazione. Niente di complicato. Ti basta prendere le foglie più belle della tua menta e metterle in un recipiente di vetro riempito di olio o aceto di vino. Lascia macerare la menta almeno una settimana, e poi filtra tutto. in questo modo puoi anche produrre un olio aromatizzato alla menta per condire insalate e pietanze a base di carne.