giornata-terra

Giornata della Terra: perché si festeggia il 22 aprile e come è nata l’idea di un Earth Day

La Giornata Mondiale della Terra, celebrata oggi in tutto il mondo, è nata negli Stati Uniti oltre 50 anni fa: ma perché è stato scelto il 22 aprile per festeggiare questa ricorrenza? E chi ha avuto per primo l’idea di un’occasione dedicata alla difesa del nostro Pianeta? Proviamo a capire meglio la storia dietro la nascita dell’Earth Day, che oggi coinvolge ogni anno circa un miliardo di persone.
Gaia Cortese 22 Aprile 2021

La Giornata della Terra, anche chiamata Earth Day, si tiene ogni anno il 22 aprile, circa un mese dopo l’equinozio di primavera, proprio quando vediamo la natura risvegliarsi dopo il lungo letargo invernale. Questa ricorrenza viene celebrata ogni anno in primis dalla Nazioni Unite (ONU), legate a doppio filo con una giornata che, secondo le stime, ormai mobilita puntualmente circa un miliardo di persone in tutto il mondo. Tuttavia, non è sempre stato così: anzi, probabilmente ti chiederai perché la Giornata Mondiale della Terra sia festeggiata proprio il 22 aprile e devi sapere che la risposta ha a che fare con la creazione di questo evento, che ha da poco superato i 50 anni.

La storia della Giornata della Terra

L’idea di una giornata dedicata alla Terra venne per primo a John McConnell, un attivista per la pace che, in occasione di una conferenza dell’UNESCO a San Francisco nel 1969, propose una giornata per onorare la Terra e il principio di pace: dopo un atto di proclamazione firmato anche dal Segretario generale dell'ONU U Thant, si decise di fissare la prima celebrazione per il 21 marzo 1970, ovvero il primo giorno di primavera per l'emisfero settentrionale. L'idea piacque e fu di fatto il trampolino di lancio per l'evoluzione dell'evento e per la nascita del vero e proprio Earth Day, soprattutto per merito del senatore Democratico statunitense Gaylord Nelson. Pochi mesi prima, infatti, gli Stati Uniti avevano assistito a un gravissimo disastro ambientale, quando all'inizio del 1969 una fuoriuscita di petrolio da un pozzo della Union Oil a Santa Barbara portò alla morte di diversi animali, tra cui delfini e leoni marini. Nelson approfittò così di questo incidente per sensibilizzare tutto il Paese su alcune questioni ambientali urgenti, attraverso la creazione di un evento che si sarebbe chiamato, appunto, Giornata della Terra: la prima edizione si tenne il 22 aprile del 1970 e vide la partecipazione di tantissime persone in tutti gli Stati Uniti, dagli universitari ai membri di associazioni ambientaliste. Con il tempo, l'Earth Day acquistò una risonanza sempre maggiore e iniziò ad essere celebrato a livello mondiale.

Cosa si celebra nella Giornata della Terra

In questa data vengono affrontati una serie di temi ambientali: dall’inquinamento atmosferico alla distruzione degli ecosistemi, dall’estinzione di specie animali e vegetali all’esaurimento delle risorse non rinnovabili. Non immaginare però che la Giornata mondialedella Terra significhi solo convegni e tavole rotonde dedicati a problemi da risolvere.

Il tema principale rimane la difesa dell’ambiente, ma il 22 aprile è anche l’occasione per seguire tanti eventi e belle iniziative green. Gruppi di volontari si dedicano a ripulire dai rifiuti abbandonati piazze, aree verdi, spiagge e pinete; appassionati della "due ruote" organizzano pedalate in mezzo alla natura, ma c’è anche chi corre per raccogliere fondi per qualche iniziativa ambientale. C’è poi il modo per documentarsi sulle principali tematiche dell'ambiente: proiezioni video, tavole rotonde, incontri e mostre, ma anche laboratori ed eventi per avvicinare anche i più piccoli a questo discorso.

(Modificato da Alessandro Bai il 22-4-2021)