Greta Thunberg ai microfoni di Ohga: “La Youth4Climate? I politici fanno finta di ascoltare i giovani”

Poco prima del suo discorso alla sessione inaugurale della Youth4Climate, che si tiene a Milano dal 28 al 30 settembre, noi di Ohga siamo riusciti a incontrare la giovane attivista svedese. “Ci sono moltissimi giovani qui che sono motivati e vorrebbero cambiare le cose”, ha detto Greta, “ma questo evento sembra più youthwashing che altro”.
Federico Turrisi 29 Settembre 2021

"Non c'è un pianeta B, non c'è un pianeta bla bla bla. Questo è tutto ciò che sentiamo dai nostri cosiddetti leader: parole. Parole che sembrano bellissime, ma che finora non hanno portato ad alcuna azione". Ieri durante la sessione inaugurale della Youth4Climate, che si tiene in questi giorni a Milano prima della Pre-Cop26, Greta Thunberg è tornata a condannare duramente l'inazione dei grandi del pianeta di fronte alla crisi climatica.

Prima del suo discorso, noi di Ohga siamo riusciti ad avere un breve scambio con lei dietro le quinte. Ci avviciniamo a Greta dopo il suo breve incontro con il ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani. Attorniata da altri giovani attivisti, non sembra gradire i selfie. Gli occhi di tutti sono puntati su di lei. Ma Greta mantiene un atteggiamento molto schivo e, quando le rivolgiamo la parola per chiedere se possiamo farle due domande, sembra quasi dire con lo sguardo "se proprio è necessario".

Non nasconde le sue perplessità su un evento come la Youth4Climate organizzata a Milano. "Potrebbe essere l'occasione per i giovani per far sentire la loro voce, ma è progettato in maniera tale per far dire a giovani provenienti da tutto il mondo quello che vogliono sentirsi dire i leader politici", sottolinea l'ispiratrice del movimento Fridays for Future. "Ovviamente ci sono moltissimi giovani qui che sono motivati e vorrebbero cambiare le cose, ma sono inseriti in uno schema imposto dall'alto. Sembra più «youthwashing», fanno finta di ascoltare i giovani".

Greta ha anche fatto un accenno al prossimo sciopero per il clima, previsto per il 1 ottobre: Fridays for Future Italia ha infatti organizzato una grande marcia a Milano in concomitanza con la Pre-Cop26 per chiedere ai governanti di agire subito contro la crisi climatica. "Peccato che i ragazzi di Fridays for Future Italia non siano stati invitati alla Youth4Climate e siano dovuti rimanere fuori (poco prima un gruppo di attivisti del movimento aveva manifestato nelle vicinanze del Mico, il centro congressi che ospita proprio la Youth4Climate e la pre-Cop26, ndr). Non vedo l'ora di partecipare allo strike di venerdì".