I lupi in Italia sono sempre di più: oltre 3mila esemplari distribuiti tra Alpi e Appennini

Secondo il monitoraggio nazionale realizzato dall’Ispra, 950 lupi abiterebbero le regioni alpine, mentre circa 2.400 sarebbero sparsi lungo il resto della penisola, perlopiù nelle aree appenniniche. Il monitoraggio, voluto dal Ministero della Transizione ecologica, aiuterà i Parchi e le Riserve nella tutela della specie.
Martina Alfieri 17 Maggio 2022

Nel nostro Paese vivono sempre più lupi. Secondo il primo monitoraggio nazionale commissionato dal Ministero della Transizione ecologica e realizzato dall'Ispra – l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale – lungo la penisola italiana sarebbero presenti circa 3.300 esemplari di lupo. Di questi, 950 si trovano nelle regioni alpine, ed è lì che la popolazione sta aumentando più rapidamente, mentre i restanti 2.400 circa abitano il resto della penisola, ed in particolare le aree appenniniche.

"Se si calcola l’estensione delle aree di presenza del lupo (41.600 km2 nelle regioni alpine e 108.500 km2 nelle regioni peninsulari), si può affermare che la specie occupa la quasi totalità degli ambienti idonei nell’Italia peninsulare", scrive l'Ispra. "Ovunque la popolazione di lupo è cresciuta, sulle Alpi si è registrato l’aumento più significativo".

Il monitoraggio nazionale, elaborato tra il 2018 e il 2022, ha coinvolto oltre 3000 operatori, tra professionisti esperti e volontari, per mappare le aree maggiormente abitate dall'animale. La presenza dei lupi è stata documentata attraverso 6.520 avvistamenti fotografici con fototrappola, 491 ritrovamenti di carcasse di ungulato predate, 171 ritrovamenti di lupi morti, oltre che da 1.310 tracce e 16.000 escrementi rinvenuti sul terreno. Infine, 1.500 analisi genetiche condotte sui campioni hanno permesso di identificare la specie.

Negli ultimi anni, anche grazie al "Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia" avviato nel 2019, che ha finalmente sancito la fine degli abbattimenti controllati, il numero di lupi sul territorio nazionale è in costante aumento.

Finora la mappatura veniva realizzata in maniera autonoma da enti e organizzazioni locali. Il nuovo monitoraggio realizzato in tutto il Paese dall'Ispra aiuterà a tutelare la specie, agevolando il lavoro di Parchi e riserve, ma contribuirà anche a garantire che i lupi possano convivere in equilibrio e armonia con la biodiversità che li circonda e con l'uomo.