La mostarda, cos’è e come si prepara questa pietanza tipica del Nord Italia

Se non indicato espressamente, le informazioni riportate in questa pagina sono da intendersi come non riconosciute da uno studio medico-scientifico.
Non pensare che sia difficile da preparare: in pochi e semplici passaggi potrai preparare questa pietanza natalizia in casa. Ecco la ricetta della mostarda italiana.
Sara Polotti 22 Dicembre 2021

Piccante o salata, la mostarda è una preparazione tipica italiana, che presenta alcune varianti a seconda della regione in cui la si prepara. Ottima con le verdure bollite, con i bolliti in generale e con i formaggi, la mostarda ha origini prevalentemente settentrionali: si tratta di una pietanza classica che troviamo a Cremona, Vicenza, Mantova e Voghera, e che si consuma secondo la tradizione durante le feste natalizie. Anche se chi la ama la mangia tutto l'anno!

Quest'anno invece di acquistarla in barattolo, perché non provi a prepararla tu? Fare la mostarda in casa non è difficile e la soddisfazione è altissima.

Ecco come preparare la mostarda. Ma attenzione! Non confonderla con la mustard anglosassone: quella è la senape (che in effetti è un ingrediente importante nella mostarda italiana!).

Le origini della mostarda

Come potrai immaginare, inizialmente la mostarda era un modo furbo e utile per conservare più a lungo la frutta e la verdura di stagione, conservandole a pezzetti in un condimento che storicamente (nel mantovano) era a base di mosto, farina di senape e miele. Solo successivamente il mosto di vino venne sostituito con lo zucchero, ottenendo lo stesso risultato e preparando così una pietanza simile alle confetture.

Si diffuse quindi nella zona del mantovano e del cremonese, prima nella corte dei Gonzaga di Mantova e poi nelle case dei contadini, che durante le feste natalizie iniziano a preparare la mostarda e a conservarla come da tradizione nei vasi di ceramica o in vetro.

Quale frutta usare

La frutta e la verdura che si usano per preparare la mostarda sono diverse. Le più diffuse, tuttavia, sono le mele cotogne, la zucca, le pere, i fichi, i mandarini e le castagne. Per una mostarda base e classica puoi optare per l'ananas, le mele che hai a disposizione, le clementine e le pere.

La ricetta della mostarda

Per cominciare, pulisci e lava bene la frutta che hai scelto, sbucciando i mandarini, togliendo i noccioli dove presenti e facendola a pezzettoni. Prepara poi una ciotola con circa 400 grammi di zucchero e infilaci la frutta lasciandola macerare per un giorno intero.

Il giorno successivo, trasferisci la frutta in un pentolino antiaderente con un po' d'acqua. Appena bolle, lascia cuocere per cinque minuti.

Ripeti questo passaggio per altre due volte a distanza di 24 ore circa l'una dall'altra.

Dopo l'ultima cottura, aggiungi al composto, ancora nel pentolino, dieci-dodici gocce di essenza di senape (a seconda dell'intensità di piccante che vuoi dare alla mostarda), mescola bene e trasferisci tutto in uno o più barattoli sterilizzati di vetro con chiusura ermetica.