Le proprietà del piccolo farro, il cereale più antico del Mondo

Il piccolo farro è una qualità antichissima di farro, con eccellenti proprietà nutrizionali. E’ più ricco di proteine, aminoacidi ma anche di sali minerali. Non è però un cereale consigliato a chi soffre di celiachia, perché contiene gliutine.
Valentina Rorato 10 Maggio 2022
* ultima modifica il 10/05/2022

Il piccolo farro è considerato il cereale più antico conosciuto nella storia dell'agricoltura ed è anche l'unico grano noto per non essere stato ibridato. Questo superfood è delizioso in tutti i tipi di prodotti da forno e ha proprietà nutrizionali davvero interessanti.

Pianta

Il farro piccolo, detto anche farragine o grano monococco, è considerato il primo cereale coltivato dall'uomo. Si stima che abbia più di 10.000 anni. I suoi grani sono stati trovati in località epipaleolitiche nella Mezzaluna Fertile. In Medio Oriente la coltivazione del triticum monococcum è iniziata a declinare a favore del farro intorno al 2000 aC. In Italia, nel sud della Francia e in Spagna non è mai stata una coltura intensiva, mentre è molto apprezzata in alcune zone del nord Europa e in America.

Si tratta di una varietà di frumento selvatico corto, di solito alta meno di 70 cm e poco generosa nella produzione di chicchi commestibili. La principale differenza tra il triticum monococcum selvatico e quello coltivato è il modo in cui i semi si disperdono. Nella varietà selvatica, il guscio si rompe e i semi si spargono a terra. Ciò facilita una successiva raccolta del grano per cui l'intervento umano ha fatto la differenza. Ed è questo il motivo per cui è piaciuto molto all’uomo primitivo; con il passare del tempo e attraverso una selezione più o meno consapevole, le preferenze dell'uomo per il guscio del seme intatto hanno creato la varietà domestica che ha chicchi leggermente più grandi di quelli del triticum monococcum selvatico. Il piccolo farro richiede la semina e la raccolta dell'uomo per perpetuare la propria esistenza.

Valori nutrizionali

Questi sono i valori nutrizionali per 100 grammi di farina di monococco, secondo i dati raccolti dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti:

  • 333 calorie
  • 66,7 grammi di carboidrati
  • 13,3 grammi di proteine
  • 1,7 grammi di grasso
  • 6,7 grammi di fibra
  • 15 milligrammi di zinco
  • 2 milligrammi di manganese
  • 3,6 milligrammi di ferro
  • 4 milligrammi di niacina

Proprietà nutrizionali

Il piccolo farro ha eccellenti proprietà nutrizionali. Contiene più proteine ​​del ferro tradizionale e ha più fosforo, potassio e vitamina B6. È ricco di carotenoidi, i pigmenti rossi, arancioni e gialli presenti in natura in molti frutti e verdure e in alcuni cereali, mentre è povero di amido (15% in meno rispetto al grano moderno), insieme a una maggiore concentrazione di minerali e sapore.

Ha, dunque, un basso impatto glicemico. Il farro, in generale, non è un cereale senza glutine, quindi il monococco non è una valida opzione se soffri di celiachia. È importante sapere, però, che il piccolo farro ha una struttura debole del glutine e ciò permette di preparare prodotti da forno più digeribili, soprattutto per chi è sensibile a questa proteina.  Non contiene il genoma D ma piuttosto il genoma A, una differenza significativa perché il test più diffuso per rilevare la presenza di glutine si basa sulla presenza del genoma D. E questo dettaglio è ciò che ne garantisce la leggerezza.

Controindicazioni

Come anticipato sopra, il piccolo farro non è adatto a chi soffre di celiachia, perché contiene glutine. È molto più facilmente digeribile e spesso va bene per la maggior parte delle persone con sintomi di intolleranza.

Usi in cucina

Il piccolo farro si usa come qualsiasi altro grano: macinalo in farina o mangia i grani intere dopo aver rimosso la buccia. La farina di farro può essere utilizzata al posto della farina integrale in quasi tutti i piatti, dalla frolla per le torte ai biscotti. Il suo ricco sapore permette anche di realizzare del pane sostanzioso e leggermente nocciolato. È ottimo, inoltre, per la preparazione di zuppe, piatti caldi e risotti.

Fonte | Usda   

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.