L’offerta food a km 0 dello chef altoatesino Martin Wild: qualità e freschezza le parole d’ordine

Ribes maturati al sole. Fiori di sambuco, menta e melissa raccolti nell’orto. Verdure di stagione, formaggi di malga e yogurt fatti in casa. Vi presento l’offerta food dello chef Martin Wild, tutta all’insegna dei prodotti freschi e a km zero.
Gaia Cortese 13 novembre 2018

Uno chef altoatesino, giovane padre di famiglia, con una grande passione per la pesca. Martin Wild, con alle spalle diverse esperienze in vari hotel e resort dell'Alto Adige ha il compito di selezionare ogni giorno per l'offerta food del Feuerstein Nature Family Resort dove lavora, i migliori prodotti dei contadini della Val di Fleres, dalla carne allo yogurt di pecora, dalle uova di galline ruspanti alle erbe aromatiche, dalle verdure di stagione ai formaggi di malga.

“Nella valle di Fleres vivono diversi contadini, che riforniscono l’hotel con il meglio dei prodotti di stagione – spiega Martin Wild -. Ad esempio l’insalata, che viene servita giornalmente sul buffet, si coltiva proprio a pochi passi dall’hotel…".

E non è l'unico esempio. Anche il produttore di erbe alpine Bernhard abita “dietro l’angolo”: nel suo orto a 1.200 metri di quota crescono menta, malva e molte altre erbe aromatiche di montagna. L’altitudine alpina fa particolarmente bene anche alle pecore di Reinhold Eisendle, che le libera al pascolo nei prati intorno al Feuerstein. Il latte viene poi trasformato in yogurt e formaggio, quelli che poi arricchiranno il buffet della colazione dell’hotel.

Quanto incide la scelta dei prodotti nella qualità finale di un piatto? E quanto è importante rispettare la stagionalità dei prodotti?

"La nostra filosofia è portare prodotti in tavola che siano della nostra regione. Non è sempre facile trovarli, soprattutto in inverno è piu problematico. Ma per noi la qualità e la freschezza dei prodotti è estremamente importante, tanto che evitiamo di acquistare anche la frutta esotica".

So che propone una cucina alpina con influssi mediterranei, con ricette tradizionali altoatesine reinterpretate. Un esempio?

"Alcuni piatti tradizionali restano tali, come i canederli agli spinaci e al formaggio per esempio. Ma su altri piatti ci si può sbizzarrire con l'aggiunta di alcuni ingredienti, come il pesce di lago servito con caviale e zafferano, o la panna cotta di mozzarella di bufala servita come antipasto".

Al Feuerstein gli omogeneizzati sono fatti in casa e ai bambini sono riservate molte attenzioni…

"Sì, gli omogeneizzati sono preparati in casa, con verdure portate al Feuerstein direttamente da due contadini della Val di Fleres e da Vipiteno. Poi ogni giovedi la pizza viene preparata direttamente dai nostri piccoli ospiti: noi prepariamo la pasta, loro pensano agli altri ingredienti".

In qualche modo su queste attenzioni rivolte ai più piccoli scelta ha influito il suo essere papà?

L'attenzione per l'alimentazione dei bambini che si trova al Feuerstein è la stessa che ho a casa con i miei due figli. A casa mia non manca l'orto dove coltivo insalata, pomodori e altre verdure. E' importante che i bambini mangino bene e che nella loro alimentazione non siano introdotti troppi prodotti preconfezionati acquistati al supermercato".

Photo Credits: Feuerstein Nature Family Resort