Perché ti svegli con il naso chiuso? Tutte le possibili cause

Ti è mai capitato di svegliarti al mattino con il naso chiuso, anche se non hai il raffreddore? Le ragioni possono essere diverse e in alcuni casi è bene informare subito il medico. Vediamo perché.
Dott. Albert Kasongo Medico vaccinologo
26 Aprile 2022 * ultima modifica il 26/04/2022

Svegliarsi con il naso chiuso è una condizione particolarmente frequente e fastidiosa, capitata praticamente a chiunque nel corso della vita. Avere il naso tappato non è sempre indice di raffreddamento o malessere stagionale. Esistono numerose altre cause che possono provocare questa situazione. Vediamole insieme.

Infezione del seno nasale

L'infezione del seno nasale può essere causata da virus o batteri ed è accompagnata da diversi altri sintomi che possono aiutare il medico a fare una diagnosi precisa di questo disturbo. Possiamo infatti riconoscere la presenza di muco giallo-verdastro nelle infezioni batteriche o liquido trasparente in quelle virali. Inoltre possono essere presenti mal di gola e tosse. Tendono a risolversi nell’arco di 7-10 giorni.

Allergie

Sono diverse le sostanze che possono irritare la mucosa nasale portando a congestione (rigonfiamento) e ostruendo così il passaggio dell’aria. La causa più comune è rappresentata dagli acari della polvere che si depositano su lenzuola e federe entrando a lungo in contatto con il soggetto che la mattina si può svegliare con il naso congestionato. È sempre utile infatti soffiare il naso appena svegli. Altre sostanze possono essere rappresentate da muffa, detersivi (con i quali si lavano le lenzuola), deodoranti, fumo di sigaretta o peli di animali che vivono in casa.

Aria secca

Soprattutto d’inverno, l’ambiente chiuso della casa potrebbe diventare molto secco a causa dei termosifoni e questo porterebbe a congestione nasale. È sempre necessario avere un’umidità attorno al 40-50% per evitare questo problema. In commercio esistono umidificatori che possono essere utili alla soluzione.

Rinite vasomotoria

Alcuni soggetti possono avere una risposta anomala dei vasi sanguigni a diversi stimoli (variazione di temperatura, umidità, stress…) con conseguente aumento della congestione.

Anomalie anatomiche

Possono essere presenti deviazioni del setto o malformazioni come l’ipertrofia dei turbinati che possono ostruire la fuoriuscita di aria.

Insomma, come sempre, bisogna fare attenzione all’eventuale presenza di altri sintomi ed effettuare un’anamnesi ben precisa per poter risalire alla causa di questa condizione e, ovviamente, è necessario che a farlo sia un medico.

Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari, ha maturato esperienza in numerosi ambiti collaborando con diverse altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.