Pomodoro San Marzano: le caratteristiche e qualche consiglio per la coltivazione

Il pomodoro San Marzano è definito l'”Oro rosso della Campania”. Famoso in tutto il mondo, dal 1996 gli è stato conferito il marchio DOP (Denominazione di Origine Protetta), rendendolo unico e inimitabile. Ma quello che non sai è che è ricco di vitamina A,B e C e contiene potassio, fosforo e calcio, migliorando così la circolazione e la pressione del sangue.
Francesco Li Volti 11 Novembre 2020

I pomodori San Marzano sono, senza dubbio, la varietà più apprezzata del mondo del pomodoro. Leggenda vuole che il primo seme di San Marzano sia arrivato in Italia nel 1.770, come dono del Vicereame del Perù al Regno di Napoli.

Sono stati coltivati ​​per la prima volta nel paese di San Marzano sul Sarno e da allora sono diventati noti come "il più importante pomodoro industriale del XX secolo". Con la sua polpa soda e densa e il sapore dolce, questa varietà è risultata perfetta per la produzione e l'esportazione di pelati (pomodori interi pelati e in scatola), che sono diventati popolari in tutto il mondo. In effetti, la pizza e la pasta non sarebbero le stesse senza il San Marzano.

Definito l'"Oro rosso della Campania", il San Marzano è celebre per il suo sapore equilibrato, che combina dolcezza, intensità e la giusta quantità di acidità. Se ancora non l'avessi assaggiato, adesso non hai scuse: corri subito a comprarlo, non potrai più farne a meno!

Pensa che negli Stati Uniti il nome San Marzano è sinonimo di pomodoro. Per questo motivo, purtroppo, sono molti i tentativi di contraffazione di questo prodotto.

Le caratteristiche

Ma come mai questo pomodoro è così buono? Sicuramente grazie alle sue specifiche caratteristiche. Prima di tutto la polpa è compatta e non contiene molti semi, mentre la buccia è molto sottile e facilmente staccabile. Facilmente riconoscibili per la loro tipica forma allungata e il colore rosso intenso. Si presentano in generale come compatti e leggermente appuntiti.

I pomodori San Marzano, oltre ad essere un alimento fondamentale per la dieta mediterranea, sono sempre presenti sulle tavole italiane. Sono conosciuti e apprezzati in tutto il mondo non solo per il loro gusto unico, ma anche per i loro numerosi benefici per la salute. Ma, forse, una cosa che non sai è che è un prodotto ricco di vitamine A, B e C.

Contiene anche potassio, fosforo e calcio. I benefici? Migliora la circolazione e la pressione del sangue. Inoltre, essendo ricco di zolfo, svolge stimola un'azione disintossicante per il nostro organismo.

La coltivazione

Il pomodoro D.O.P San Marzano nasce in un territorio ben delimitato che comprende 41 comuni campani: le zone più importanti sono l'Agro Sarnese-Nocerino, l'Acerrano-Nolano, la Pompeiana-Stabiese e il Montorese. Infatti solo in questo specifico terreno si trovano le migliori condizioni per la coltivazione delle piantine di pomodoro San Marzano. Il ​​clima mediterraneo e la fertilità di questa terra, ricca di detriti vulcanici, sono gli elementi essenziali per la perfetta maturazione del San Marzano e l'intensità unica del suo sapore.

I terreni devono essere molto profondi e soffici e per l'irrigazione viene usata l'acqua proveniente dai pozzi, che si alimentano direttamente dalla falda freatica.

Hai intenzione di coltivare anche tu il pomodoro San Marzano? Ottima idea, forse questi consigli ti saranno molto utili. Il principe dei pomodori preferisce un clima temperato-caldo, mai al di sotto dei 12 gradi: la temperatura ottimale sarebbe dai 21 ai 23 gradi, per intenderci la cosa migliore sarebbe coltivarli durante la stagione primaverile o alla fine di quella autunnale. Cerca di posizionare le tue piantine di pomodoro San Marzano in una zona soleggiata e riparata dal vento.