Francesco Li Volti

32

Giornalista, storico, curioso, ma soprattutto napoletano. Ho preso confidenza con la comunicazione fin da piccolissimo quando, seduto sul poggiolo di casa mia, parlavo con tutti quelli che mi passavano di fronte. La mia terra mi ha insegnato a prendermi cura del prossimo e dell’ambiente che mi circonda. Le mie battaglie le conduco informandomi e informando.

Credo che in una società democratica e libera, il giornalismo rappresenti la forza essenziale della società. Questo non lo dico io, ma un giornalista ucciso dalla mafia perché faceva bene il suo lavoro, Pippo Fava. Quindi bando alle ciance, è l’ora di fare la differenza in questo mondo.
Rispettandolo, in primis.