Presto finalmente liberi i 35 elefanti del circo Ringling Bros: saranno trasferiti nella più grande riserva d’Occidente

Grande notizia per il mondo animale. Anche i 35 elefanti asiatici del circo Ringling Bros e Barnum & Bailey saranno rimessi in libertà. Andranno a far parte della più grande comunità di elefanti di tutto l’Occidente, nella White Oak Conservation, in Florida. Gli elefanti asiatici sono una specie in via d’estinzione: solo negli ultimi 75 anni, la sua popolazione è stata dimezzata.
Francesco Li Volti 29 settembre 2020

Sembra una favola a lieto fine. Non si tratta di Dumbo, ma di 35 elefanti della più grande compagnia di circo del mondo. Gli elefanti asiatici del Ringling Bros e Barnum & Bailey Circus, infatti, si trasferiranno in una nuova casa il prossimo anno, in una riserva della Florida, la White Oak Conservation, la più grande di tutto l'Occidente. Il nuovo rifugio consentirà agli animali di vagare tra diversi paesaggi, dalle zone più umide fino alle praterie e ai boschi. La Feld Entartainment (la compagnia che gestisce il circo) annunciò nel 2015 che, gradualmente, avrebbe rimesso in libertà tutti i suoi animali, a partire dai suoi 35 elefanti.

La storia

Nel 2016, sotto la pressione degli attivisti per i diritti degli animali, la Feld Entartainment ritirò i suoi 40 elefanti, trasferendoli in un appezzamento di terreno di circa 800.000 m², chiamato Ringling's Center for Elephant Conservation (CEC). Un anno dopo, la compagnia chiuse definitivamente il circo. Ma anche qui c'era qualcosa che non andava.

Diversi gruppi per i diritti degli animali, tra cui People for the Ethical Treatment of Animals (PETA) e il Fondo internazionale per il benessere degli animali, criticarono le dimensioni dei recinti degli elefanti. Reuters riferì nel 2016 che gli elefanti venivano tenuti incatenati di notte, ma la Feld negò ogni accusa.

Nel corso degli anni nacquero nuovi elefanti, pur essendo vero che alcuni di loro furono venduti agli zoo e altri morirono. Ora i 35 elefanti rimasti saranno trasferiti nella riserva americana del White Oak Conservation.

I rischi

Ma il trasferimento di questi animali pone una serie di sfide. La maggior parte di questi elefanti è abituata a vivere quasi in isolamento e nessuno si è mai procurato il cibo prima. Molti di loro non hanno familiarità con le dinamiche del branco e i legami familiari.

A rischio di estinzione

Secondo l'Unione internazionale per la conservazione della natura, meglio conosciuta con la sigla inglese IUCN, afferma che gli elefanti asiatici sono una specie a rischio di estinzione. La popolazione mondiale si sarebbe dimezzata negli ultimi 75 anni: si stima che siano tra i 20.000 e i 40.000 allo stato selvatico. Questo declino è in gran parte dovuto alla distruzione dell'habitat; solo il 15% dell'area storica degli animali nel sud e nel sud-est asiatico resiste ancora oggi, a causa della deforestazione, dello sviluppo agricolo e dell'espansione industriale.

Circa un terzo di tutti gli elefanti asiatici vive in cattività. Gli altri vengono utilizzati per scopi agricoli, per il disboscamento e come attrazioni turistiche, principalmente in India, Thailandia e Myanmar. Diverse centinaia di elefanti asiatici vivono invece negli Stati Uniti, la maggior parte dei quali negli zoo.

Dal 1.800 a oggi

Poiché gli elefanti asiatici sono più piccoli dei loro cugini africani e in generale sono considerati più facili da gestire, intorno alla metà del 1.800 sono diventati il ​​punto di riferimento per gli spettacoli circensi itineranti. Un'indagine ha rivelato che anche nel 21 ° secolo molti degli animali che si esibivano nei circhi, erano sovraccarichi di lavoro e un certo numero di morti avveniva per le complicazioni di salute, legate alle loro condizioni di vita.

We have some BIG news! White Oak Conservation will soon be the new home for 30 Asian elephants – the largest Asian elephant herd in the Western Hemisphere! We have started construction on a new 2,500-acre home for Asian elephants. Most of these elephants previously traveled throughout the United States with Ringling Bros. and Barnum & Bailey until they were retired in 2016. The spacious habitats will give the elephants room to wander, exercise, and forage. White Oak’s philosophy is to accommodate natural behavior and social bonds as closely as possible. Family groups will be together, with calves and their mothers and siblings in the same areas as grandmothers wherever possible. There will be nine interlinked areas opened for the elephants. The area will include a variety of vegetation and habitat types for the elephants to choose from, including wetlands, meadows, and woods. We are excited to have the opportunity to provide these elephants with a new home. You can read more about it in the link in our profile. We will keep you updated here and on other social media as we move forward with the project. We appreciate your continued support! We couldn’t do it without you!

A post shared by White Oak Conservation (@whiteoakconservation) on