Risparmiare davvero sulla spesa: gesti semplici che fanno bene a pianeta e portafoglio

Scegliere di risparmiare acquistando più consapevolmente non è vantaggioso solo per le economie domestiche, ma tendenzialmente va di pari passo con la sostenibilità e il riguardo nei confronti del pianeta. Seguendo questi consigli, infatti, spenderai meno, ma farai anche del bene alla Terra.
Sara Polotti 26 Settembre 2022

Sprecare non è più accettabile. Non solo per il pianeta, ma anche per il portafoglio, dal momento che è ormai chiaro a tutte le persone che il benessere della Terra si ripercuote su bollette e costi vivi delle famiglie di tutto il mondo.

Risparmiare sulla spesa, però, è possibile: alcuni piccoli, semplici e innocui gesti (che spesso prendono solo qualche secondo in più) possono fare davvero la differenza sullo scontrino, evitando allo stesso tempo sia gli sprechi, sia i materiali più inquinanti.

Ecco qui i nostri consigli per una spesa consapevole, sostenibile e leggera sul portafogli.

Preferire le verdure

La carne non costa solo alle tasche di chi fa la spesa, ma anche al pianeta, dato che gli allevamenti intensivi sono tra le prime cause di inquinamento (oltre che di maltrattamento degli animali). Mangiare meno carne è quindi il primo, vero modo per risparmiare sulla spesa.

Fare la lista

Non lo si ripeterà mai abbastanza: fare la lista della spesa è necessario per non spendere troppo. Avendo infatti sott'occhio ciò che davvero serve, non si perde tempo riflettendo in ogni corsia del supermercato e soprattutto si va a colpo sicuro, senza indugiare e senza così cadere nella tentazione di acquistare ciò di cui non c'è bisogno.

Pianificare la settimana

Anche questo consiglio rientra nell'ottica del primo, ed è ancora più intelligente, perché permette di pianificare i pasti e di acquistare ciò che davvero serve, senza acquistare cibi in eccesso che, se non consumati, rischiano di andare a male e di venire buttati.

Acquistare i cibi sfusi

E non parliamo solo dei cereali o della frutta secca, che si trovano solo in alcuni supermercati e mercati, ma anche della frutta e della verdura. Invece di scegliere dal banco quella già tagliata e confezionata nelle vaschette di plastica, basta prendere quella intera da pesare nei sacchetti compostabili. Costa meno ed è plastic-free.

Scegliere la stagionalità

Basta guardare i prezzi: la frutta e la verdura che non sono di stagione costano di più. Non solo al portafoglio, ma anche al pianeta, dato che devono essere coltivate in serre artificiali o essere trasportate dall'altra parte del mondo fino ai nostri supermercati.

Il marchio del supermercato

Spesso i supermercati hanno il proprio brand e marchio. Sceglili al posto delle grandi firme: spesso si tratta delle stesse aziende, che danno i prodotti di seconda scelta ai supermercati. La qualità è essenzialmente la stessa, si contribuisce a salvare molto cibo dal macero e si risparmia.

Sfruttare i refill

Molti prodotti per la casa e la cura della persona oggigiorno prevedono il refill. E in effetti sono intelligenti, perché puoi risparmiare sulla confezione ed evitare di produrre nuovi rifiuti.

Acquistare solido

Non solo lo shampoo, ma anche la classica saponetta anziché il docciaschiuma: si risparmia e si evita plastica inutile.

Il detersivo in polvere

Sceglilo eco-bio, ma soprattutto in polvere: lo vendono ancora nei fustini di carta (non di plastica!) e tendenzialmente costa meno.

L'acqua? No, grazie

L'acqua in bottiglia, se vivi in Italia e l'acqua del tuo rubinetto è potabile, è uno spreco inutile. Ti basterà bere quella del rubinetto, oppure filtrarla con le brocche apposite se il sapore non ti aggrada!