Se pettini i capelli bagnati si rovinano? Qualche rimedio naturale per prenderti cura di loro

Se non indicato espressamente, le informazioni riportate in questa pagina sono da intendersi come non riconosciute da uno studio medico-scientifico.
Prenderti cura dei capelli bagnati significa tutelarne la salute e non favorirne la rottura. Può sembrare strano, ma proprio in quel momento, quando esci dalla doccia, dal mare o dalla piscina, le tue chiome sono particolarmente fragili. E passare con vigore la spazzola non è mai una buona idea.
Valentina Rorato 5 Agosto 2021

I capelli bagnati sono più delicati di quelli asciutti. Probabilmente lo avrai già sentito dire. La domanda quindi che ti devi porre ora è una sola: spazzolare i capelli quando sono bagnati fa male? Dipende, da come li lavi e quali spazzole usi.

Scegli spazzole con setole morbide

Se usi una spazzola di alta qualità, dovrebbe scivolare tra i capelli, districandoli senza bloccarsi. E di conseguenza non essere "pericolosa" per le tue chiome. D'altra parte, molte persone non usano spazzole con setole di cinghiale, ma di plastica o sintetiche con le palline all'estremità. Purtroppo, queste palline, che spesso sono decorative e colorate, tendono ad avvolgersi attorno alle ciocche, rimanere bloccate e strappare i capelli. In alternativa, puoi usare un pettine a denti larghi, magari in legno.

Indipendentemente da ciò quale strumento hai a disposizione, assicurati di spazzolarli in modo delicato: tirare troppo forte le ciocche può causare rotture, il che sicuramente farà sembrare i tuoi capelli brutti e rovinati.

Non strofinare i capelli

Un altro modo per non danneggiare i capelli bagnati è quello di tamponarli con un asciugamano morbido. Alcune persone usano le magliette di cotone. Va benissimo, così come sono ideali gli asciugamani in microfibra. La cosa più importante, però, è non strofinarli con vigore. Rischi semplicemente di arruffarli di più e di rendere ancora più complicata la spazzolatura.

Come si spazzolano

Il modo corretto per spazzolare i capelli bagnati è usare un asciugamano assorbente e rimuovere quanta più umidità possibile, quindi lasciare asciugarli all'aria per almeno cinque minuti. Quando i capelli non sono più "zuppi", i legami deboli si ristabiliscono. A questo punto devi prendere una spazzola di buona qualità e iniziare a spazzolare dalle punte per lavorare delicatamente eventuali grovigli o nodi in modo che siano lisci. Se provi a pettinare i capelli dalle radici alle punte, potresti rimanere impigliato in grovigli disordinati e spezzare i capelli. Una volta che una sezione è stata correttamente lavorata e lisciata, spostati sempre più in alto fino a quando i tuoi capelli non sono stati pettinati ordinatamente.

In spiaggia o in piscina

Proprio come dopo lo shampoo, i capelli bagnati in spiaggia o in piscina possono essere più fragili. In realtà a causa del cloro, del sale e della sabbia possono essere ancora più deboli. Il consiglio è quello di risciacquarli con un po’ di acqua dolce e fredda, se possibile. Poi applica una protezione solare per i capelli o uno spray condizionante senza risciacquo. Il prodotto dovrebbe impedire al cloro o al sale di penetrare nei capelli. E cosa più importante una volta a casa, lava le tue chiome con uno shampoo delicato per rimuovere tutti i detriti. Inoltre, si consiglia l’uso di una maschera maschera leave-in: ce ne sono alcune specificamente formulate per l'uso durante il nuoto. Punta, possibilmente, su quelle a base di olio di argan.