Street art antismog: 3 nuovi murales a Milano per combattere l’inquinamento

Già tre opere realizzate con la vernice antismog sono apparse in diverse zone di Milano. E presto saranno seguite dal nuovo murales dello street artist Iena Cruz, che ricoprirà un’intera parete in zona Lambrate con una vernice speciale in grado di assorbire lo smog convertendolo in aria pulita.
Sara Del Dot 1 ottobre 2019

C’è chi vede i murales come un’arte necessaria alle grandi città per ridare vita a strade grigie ed edifici spenti e chi invece ancora fa fatica a capirli, considerandoli alla stregua di atti vandalici e minaccia al decoro urbano. Ma se ti dicessi che il disegno che ricopre le facciate di alcune vie del centro è in realtà uno strumento che cattura lo smog convertendolo in aria pulita?

Negli ultimi anni si è parlato molto di “alternativa sostenibile”. Un concetto che ha investito tutti gli ambiti possibili, dalle abitudini personali alle normative, fino a coinvolgere anche attività commerciali e addirittura l'arte di strada. Milano, da sempre in prima fila nella ricerca di un punto di incontro tra innovazione e sostenibilità, anche stavolta non si è fatta mettere in piedi in testa da nessuno. E alla classica vernice per dipingere i muri ha introdotto l'alterativa sostenibile.

Nel corso della Green Week, infatti, l’arte eco-friendly è esplosa, colorando di sostenibilità le facciate di tre palazzi situati in zone diverse della città. Queste tre opere, situate in Corso Garibaldi, Porta Romana e via Padova, hanno in comune una particolarità: sono state tutte realizzate con Airlite, una vernice speciale che si attiva con la luce e converte lo smog in aria pulita.

#streeart #milano #portaromana

A post shared by #50 Public (@sat_chr) on

Una rivoluzione green che passa attraverso la street art, una conversione ecologica che interessa i muri delle case che troppo spesso vediamo anneriti dall’eccessivo smog che soffoca le metropoli come Milano. E non è finita qui. Perché a partire dal 7 ottobre, lo street artist Iena Cruz inizierà la realizzazione del suo nuovo murales, nell’ambito del progetto No Plastic More Fun di Worldrise Onlus, per il quale è stata effettuata una selezione tra varie facciate della città candidate a diventare la tela del nuovo progetto antismog. La scelta, alla fine, è ricaduta su un edificio di Lambrate, che presto vedrà l’artista all’opera per restituire bellezza e aria pulita a questa zona di Milano.