Il posto più arido del mondo diventa parco nazionale: così il Cile vuole proteggere le fioriture del deserto di Atacama

Nel deserto cileno possono spuntare oltre 200 specie vegetali, grazie a particolari combinazioni di precipitazioni, umidità e temperature: è il raro fenomeno del “desierto florido”. Per tutelare questa meraviglia della natura il Governo ha annunciato che istituirà il suo 44esimo parco nazionale.
Martina Alfieri 5 Ottobre 2022

Anche il deserto più arido del mondo racchiude una grande biodiversità. Nel deserto di Atacama si verifica una vera e propria fioritura che coinvolge oltre 200 specie vegetali. Il Governo cileno, per favorire questo spettacolo naturale, ha deciso di istituire il “Parque Desierto Florido”, una riserva ecologica che in futuro proteggerà la fioritura del deserto.

Il Parque Desierto Florido, annunciato dal presidente cileno Gabriel Boric, sarà il 44esimo parco nazionale del Paese e sorgerà nei territori di Llanos e Chañarcillo, a circa 30 km a sud di Copiapó – capitale della regione di Atacama – e a 80 km a nord di Vallenar. Al suo interno saranno applicati i più alti standard di protezione ambientale che il Cile può offrire.

Stiamo affrontando tre grandi crisi e una di queste è la perdita di biodiversità. Questo annuncio ci porterà a un nuovo parco nazionale in Cile, il numero 44, che aiuterà in questo senso", ha dichiarato il ministro dell'Ambiente Maximiliano Proaño. "È fondamentale proteggere i nostri ecosistemi – abitati da una grande varietà di specie di flora e fauna – per garantire un futuro vivibile ai nostri figli. Quest'area ha un alto valore biologico e molte specie endemiche".

La fioritura del deserto riveste un importante ruolo scientifico e ambientale ma anche un grande valore turistico. Proprio per queste ragioni già nel 1997 le istituzioni regionali di Atacama decisero di creare una Commissione del Desierto Florido, poi riconfermata nel 2015.

Il deserto di Atacama si estende su una superficie di oltre 100.000 km2 tra Cile e Perù e, nonostante sia estremamente arido, alcune particolari combinazioni di precipitazioni, umidità e temperature – che in quella zona possono oscillare tra i 5°C notturni e i 40°C diurni – consentono il fenomeno del “desierto florido”: al posto del terreno sabbioso, spunta un tappeto di fiori colorati. La fioritura non è costante, ma si può verificare anche a distanza di tre o cinque anni.

Il degrado ambientale e l’inquinamento, però, sono riusciti a raggiungere anche un territorio remoto e incontaminato come il deserto di Atacama, rischiando di danneggiare il suo ecosistema: ne sono un esempio le discariche di abbigliamento a cielo aperto, sorte dagli scarti della fast fashion.