Voti migliori a scuola se gli studenti sono circondati da alberi e piante

Migliora la salute e il benessere psico-fisico, allontana lo stress, combatte gli stati di ansia e… migliora il rendimento scolastico. Sono gli effetti positivi del verde urbano sull’organismo, che portano alla conclusione che scuole, uffici ma anche abitazioni dovrebbero essere sempre più circondati da piante e alberi.
Gaia Cortese 29 Dicembre 2019

La prossima volta che devi scegliere una scuola per i tuoi figli, assicurati che sia circondata da piante e alberi. Non semplicemente per un gusto estetico o per un animo ambientalista, ma perché sembra che sia stato dimostrato che un ambiente dove predomina il colore verde aiuti gli studenti a ottenere voti migliori.

Il verde, infatti, non solo porta il buon umore, allontana lo stress e migliora la salute, ma riduce gli effetti negativi dell'inquinamento, migliora le prestazioni cognitive, aumenta la memoria e la capacità di attenzione. Un numero crescente di studi, infatti, mostra che l'esposizione all'aria inquinata, fin da quando il bambino è ancora nella pancia della mamma, viene associata a performance cerebrali peggiori e addirittura ad un maggior rischio di deficit cognitivi correlati all'età.

Ricapitolando quindi lo smog è nocivo per la salute dei polmoni e dell'apparato respiratorio, può causare malattie cardiovascolari ed è riconducibile all'insorgere di alcune demenze cerebrali e all'Alzheimer. In più, fa male anche al cervello. A trarre questa conclusione sugli effetti negativi dell'inquinamento dell'aria sulle prestazioni cognitive sono stati gli allergologi e gli esperti che nella scorsa settimana si sono riuniti in occasione del Seminario Internazionale "RespiraMi 3: Air Pollution and our Health", organizzato a Milano dalla Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico e dalla Fondazione Internazionale Menarini.

Ogni regola, tuttavia ha un’eccezione. Va bene circondarsi di verde, ma secondo alcuni specialisti, bisogna fare attenzione anche agli effetti allergizzanti di alcune piante come le graminacee, effetti che possono essere amplificati dallo smog. L'unica soluzione è quella di chiudersi in casa? Naturalmente no, ma negli ambienti chiusi è possibile difendersi dall'inquinamento causato da sostanze chimiche come benzene, ammoniaca e xilene (le principali sostanze inquinanti presenti in scuole, case e uffici), circondandosi di alcune piante dall'effetto anti inquinamento; meglio quindi non farsi mancare un ficus benjamina efficace contro la formaldeide presente in colle, pesticidi, detergenti per la casa, un filodendro in grado di neutralizzare composti di metalli, solventi organici e formaldeide, un'edera o una gerbera.