Vuoi una cascata di fiori multicolore tutta estate? Ecco come coltivare la Calibrachoa

Tanto sole e acqua in abbondanza (evitando i ristagni idrici): la Calibrachoa, originaria del Brasile, non richiede particolari cure, ma la cascata di piccoli fiori che offre è sorprendente. Ideale per riempire di colore balconi, terrazze e giardini, da aprile a fine ottobre.
Gaia Cortese 5 Maggio 2021

l nome tanto esotico, e poco comune, la Calibrachoa è una pianta che fiorisce ininterrottamente da aprile a ottobre, e che cattura lo sguardo per la spettacolare cascata di fiori che offre alla vista.

Conosciuta anche come petunia nana, vista la sua somiglianza con la petunia, la Calibrachoa non richiede una particolare manutenzione, ma ha un grande potenziale per dare colore a balconi, terrazzi e giardini. Potresti sentirne parlare anche con il nome "Million Bells", in riferimento ai suoi piccoli fiori in campane, ma di questa pianta originaria dal Brasile esistono numerose nuove varietà come la “Super Bells” che si caratterizza per i fiori più grandi e spesso variegati, o la varietà “Mini Famous” che si distingue per le forme più compatte e gli incredibili colori dei suoi fiori.

Appartenente alla famiglia delle Solanaceae, la Calibrachoa è una pianta perenne, anche se viene coltivata annualmente, sia in terra piena che in vaso. Vediamo come.

Semina

Se hai deciso di seminare la Calibrachoa, il momento migliore per farlo è tra fine febbraio e inizio marzo. Semina in un terreno che sia abbastanza umido e, dal momento che il tasso di germinazione è piuttosto basso, fallo in abbondanza: per regolarti, in uno spazio di 10 x 10 cm, devi seminare almeno 80 semini.

Diversamente se dovessi preferire la moltiplicazione per talea, in questo caso i germogli da tagliare devono essere di 12 e i 20 cm e senza fiori; devono essere piantati in un contenitore riempito di terriccio ben drenato, da riporre in un ambiente luminoso, umido e con una temperatura media di circa 21°C.

Esposizione

Considerate le sue origini, è comprensibile come la Calibrachoa apprezzi particolarmente una posizione in pieno sole, dove cresce rapidamente e la fioritura è abbondante; nelle aree più calde la soluzione migliore è invece la mezz'ombra. Questa pianta tollera bene il caldo e anche le piogge, ma teme le aree esposte al vento e il freddo, soprattutto se la temperatura è inferiore ai 5°C.

Terreno e concime

Per la coltivazione in vaso puoi utilizzare un comune terriccio per piante da fiore, che sia fertile e ben drenato. La prima concimazione deve essere fatta con un prodotto a lenta cessione, poi durante tutta la stagione vegetativa, somministra alla pianta un concime liquido per piante da fiore almeno una volta a settimana.

Innaffiatura

La Calibrachoa deve essere innaffiata regolarmente e in abbondanza. Il terreno non deve mai seccarsi ma, allo stesso tempo, devi fare attenzione ad evitare eventuali ristagni d’acqua. Se le foglie dovessero ingiallire la causa potrebbe essere una lunga siccità sofferta dalla pianta, ecco perché devi ricordarti, soprattutto in estate, di innaffiare la Calibrachoa regolarmente.

Fioritura

Avrai una fioritura abbondante, se la tua pianta sarà esposta ai raggi solari e innaffiata regolarmente. Un altro metodo per stimolarla è rimuovere i fiori appassiti.

Malattie e parassiti

A differenza della petunia, a cui questa pianta sembra assomigliare parecchio, la Calibrachoa è particolarmente resistente. Fai solo molta attenzione al ragnetto rosso e gli afidi. Infine, ricordati di mantenere sì il terreno umido, evitando però i ristagni d'acqua perché potrebbero causare il marciume delle radici.