Caloriche, ma ricche di proprietà: andiamo alla scoperta delle noci brasiliane

Dal sapore avvolgente e il retrogusto che ricorda la nocciola, le noci del Brasile sono una fonte preziosa di acidi monoinsaturi e polinsaturi, caratteristiche che rende questi semi oleosi estremamente benefici per la salute del cuore e delle arterie. Attenzione solo alle calorie e alla corretta conservazione.
Gaia Cortese 14 Giugno 2021

Ingrediente comune degli snack a base di frutta secca, le noci brasiliane sono semi racchiusi in un guscio dalla forma particolare e dal guscio molto duro e ruvido. Hanno un sapore molto avvolgente, con un retrogusto che ricorda la tradizionale nocciola.

Non contengono né glutine, né lattosio, ma un'elevata quantità di acidi monoinsaturi e polinsaturi che apportano molteplici benefici all’organismo, in particolare al sistema cardiocircolatorio.

Benefiche sì, ma anche caloriche: il consumo di questi semi deve essere moderato, ma è decisamente raccomandato. Vediamo perché.

Caratteristiche

Le noci brasiliane, conosciute anche come noci amazzoniche, sono i semi dei frutti della Bertholletia excelsa, una specie appartenente alla famiglia delle Lecythidaceae, che cresce nelle foreste del Brasile, della Bolivia e del Perù. Le noci brasiliane vengono raccolte dal centro di un grande frutto simile alla noce di cocco, e oramai sono facili da trovare in commercio, anche lontano dai Paesi di origine. Rientrano nella categoria dei semi oleosi, ma in realtà vengono considerate frutta secca.

Proprietà e benefici

Una noce del Brasile contiene più del doppio della dose minima di selenio giornaliera raccomandata: circa 55 microgrammi al giorno a partire ai 14 anni, mentre nelle donne in gravidanza e durante l'allattamento la dose sale rispettivamente a 60 e 70 microgrammi al giorno. Il selenio è importante perché regola il funzionamento della tiroide rendendo il metabolismo più attivo, oltre ad agire a livello ormonale (in particolare sugli uomini) aumentando i livelli di testosterone. E le donne? Per loro il selenio è un vero e proprio elisir della giovinezza: migliora, infatti, il metabolismo delle vitamine C ed E in grado di rallentare l'invecchiamento della pelle. Non meno importante è l'effetto positivo del selenio sull'umore, perché questo minerale aiuta a ridurre l'ansia e lo stress.

Non solo. Le noci brasiliane proteggono le arterie dalla formazione di placche arteriose, stimolano la formazione del colesterolo buono HDL e potenziano il sistema immunitario.

Oltre a questo, le noci del Brasile vantano tante altre proprietà: apportano un’ottima quantità di fibra alimentare, hanno una buona concentrazione di vitamina C, B1 ed E, e non contengono colesterolo, ma al contrario acidi grassi polinsaturi che, come vedremo, sono essenziali per la tua salute.

Calorie e valori nutrizionali

Le noci brasiliane apportano 656 kcal per ogni 100 grammi di prodotto. Non sono poco caloriche e forniscono oltre al 14% di proteine e al 12% di zuccheri, circa il 66% di grassi. Non tutti i grassi, tuttavia, sono dannosi: le noci del Brasile, infatti, contengono il 38% di grassi monoinsaturi, grassi buoni in grado di apportare benefici al cuore e alle arterie perché aiutano a ridurre il colesterolo cattivo e ad aumentare quello buono, e il 32% di grassi polinsaturi (omega 3 e omega 6) che, non essendo prodotti dall’organismo, devono essere assunti attraverso l’alimentazione, poiché molto salutari per l’organismo: gli omega 6 abbassano il tasso di colesterolo LDL, mentre gli omega 3 svolgono un’azione antinfiammatoria, antiaritmica e antiaggregante.

Dove comprarle e come utilizzarle

Ormai le noci brasiliane si trovano facilmente in qualsiasi supermercato o negozio di alimentari e sono disponibili tutto l’anno. Possono essere introdotte nell’alimentazione come snack di metà giornata o a colazione nel tuo mix di cereali e yogurt.

Essendo prive di glutine, le noci del Brasile sono ingredienti appropriati per ricette senza glutine, o in alternativa per qualsiasi ricetta salata: ottime nel pesto in sostituzione dei pinoli, nelle insalate e nel cous cous, ma anche aggiunte al pangrattato e al formaggio per la le verdure gratinate al forno.

Infine, in sostituzione del latte, possono essere un valido ingrediente per preparare una bevanda vegetale. Procurati 150 grammi di noci del Brasile e lasciale in ammollo 12 ore in un litro d'acqua; poi frulla tutto e filtrare prima di servire. Le noci brasiliane possono essere anche trasformate in burro: ti basterà frullarle a lungo e ad alta velocità fino a quando non avranno rilasciato parte del loro olio, formando così una crema dalla consistenza burrosa.

Controindicazioni

Le noci del Brasile sono molto caloriche, meglio quindi non eccedere con le quantità. Altra raccomandazione è quella di fare attenzione alla conservazione perché, a causa dell'alto contenuto di acidi grassi polinsaturi, le noci brasiliane tendono ad irrancidire in tempi brevi. Assicurati quindi di conservarle in un luogo fresco e asciutto, preferibilmente in un contenitore a chiusura ermetica.

Dal momento che le noci non contengono né glutine, né lattosio, difficilmente possono scatenare un'intolleranza, ma occorre fare attenzione in presenza di eventuali allergie che potrebbero essere scatenate da altra frutta secca, soprattutto quella appartenente alla famiglia delle Anacardiaceae. Infine, un consumo eccessivo può provocare reazioni tossiche dovute alle dosi elevate di selenio contenute nelle noci.