La crisi climatica in Africa sta spingendo gli animali a lasciare i loro habitat

La crisi climatica sta colpendo l’Africa in modo sempre più grave, causando migrazioni forzate di persone e animali. L’esempio più evidente è quello degli elefanti, che sono costretti a lasciare i loro habitat naturali per cercare cibo e acqua.
Roberto Russo 22 Settembre 2023

La crisi climatica sta colpendo l'Africa in modo sempre più grave, causando migrazioni forzate di persone e animali. L'Africa, infatti, nonostante sia responsabile di meno del 10% delle emissioni globali di gas serra, si sta riscaldando più velocemente rispetto ad altre regioni del mondo, con conseguenze devastanti per l'ecosistema e le popolazioni locali.

Un esempio di questi effetti è la migrazione degli elefanti in Africa meridionale. A causa del caldo e della siccità, gli elefanti sono costretti a lasciare i loro habitat naturali per cercare cibo e acqua. Queste migrazioni possono essere molto pericolose per gli animali, che spesso si scontrano con le popolazioni locali (a tal proposito, ricordiamo il caso del leone Loonkito, il più anziano del mondo, ucciso per essere entrato in un recinto con il bestiame) o vengono uccisi da bracconieri.

Nelle ultime settimane, ad esempio, un gruppo di elefanti dello Zimbabwe ha attraversato il confine per entrare in Botswana. Secondo i funzionari dell'Hwange National park, molti di questi animali sono morti a causa dello stress provocato dal caldo.

La mortalità tra gli elefanti

Uno studio su 230.000 elefanti ha rivelato un tasso di mortalità del 10,5% a causa dello stress dal caldo. L'area transfrontaliera Kavango-Zambesi, tra le più grandi aree di conservazione, è stata al centro dello studio. Angola, Botswana, Namibia, Zambia e Zimbabwe ospitano metà degli elefanti della savana africana.

La crescente popolazione di elefanti nello Zimbabwe sta causando problemi agli abitanti locali. Secondo il portavoce del governo Nick Mangwana, quest'anno 60 cittadini dello Zimbabwe sono stati uccisi dagli elefanti.

Per affrontare questo problema, il governo dello Zimbabwe ha lanciato l'Elephant Express, un programma che mira a garantire la convivenza pacifica tra esseri umani e animali.

La crisi climatica in Africa è un problema urgente che richiede un'azione globale. L'Africa si sta preparando alla Cop28, che si terrà nel 2024 a Sharm el-Sheikh, in Egitto. In questa occasione, i paesi africani si impegneranno a ridurre le emissioni di gas serra e a promuovere la sostenibilità ambientale.

Altre specie animali in migrazione

Oltre agli elefanti, anche altre specie animali stanno migrando a causa del cambiamento climatico. Nel parco nazionale di Hwange (Zimbabwe), ad esempio, i bufali stanno migrando in grandi numeri.

Queste migrazioni sono un segno che la crisi climatica sta mettendo a dura prova l'ecosistema africano. È necessario adottare misure urgenti per proteggere la biodiversità del continente e garantire un futuro sostenibile per le popolazioni locali.