Il significato del crisantemo: ma chi l’ha detto che sia (solo) il fiore della morte?

Nel nostro Paese, il crisantemo viene associato al lutto e alla celebrazione dei funerali. Nel resto del mondo questo bellissimo fiore ha ben altri significati: dalla pace alla vitalità, dalla regalità all’amore. Regalarlo a una persona potrebbe comunque dar luogo a un possibile fraintendimento.
Gaia Cortese 12 ottobre 2020

Il primo pensiero associato al crisantemo è quello della morte, del lutto, e questo aspetto potrebbe portare a non amare troppo questo fiore. Tuttavia, questo accade solo in Italia, perché in altri Paesi del mondo, come ad esempio in quelli dell'Oriente, il crisantemo è simbolo della vita.

Appartenente alla famiglia delle Asteraceae e al genere Chrysanthemum, il crisantemo (Chrysanthemum) è un fiore che può assumere le forme più svariate: può assomigliare a un pompon, avere una corolla più o meno grande, singola o multipla, senza considerare i suoi molteplici colori.

Il significato del crisantemo

Secondo la religione cristiana il crisantemo è il fiore dei morti. Questo è dovuto alla sua stagionalità perché fiorisce proprio a novembre, in concomitanza con la festa del giorno della commemorazione dei defunti (2 novembre).

Nel resto del mondo, tuttavia, il crisantemo ha ben altri significati: in Corea e in Cina il crisantemo è il fiore dei festeggiamenti e viene regalato in occasione di matrimoni, comunioni e compleanni; in Giappone è il fiore Nazionale, tant'è che ogni anno l’imperatore apre al pubblico i giardini della sua Reggia perché tutti ammirino la fioritura di questi bellissimi fiori, In Gran Bretagna si regala in occasione di una nascita, mentre negli Stati Uniti si lega al significato di gioia e positività.

In Australia infine, il crisantemo viene regalato a tutte le mamme in occasione della loro festa; probabilmente per l'associazione del termine  “mums” (mamme) e della terminazione del nome del fiore Chrysanthemums.

Cosa simboleggia il crisantemo

I diversi significati attribuiti al fiore dipendono molto dal colore dei suoi petali. Se il crisantemo è bianco simboleggia la verità e il dolore, un cuore sconsolato. Se il crisantemo è giallo simboleggia un amore trascurato e di norma si regala per farsi perdonare qualcosa; se è rosso simboleggia l'amore ed equivale a una  dichiarazione di questo sentimento. Un crisantemo viola, invece si regala per fare i migliori auguri.

Se poi nei Paesi Orientali, così come in quelli anglosassoni, il crisantemo è simbolo di gioia e pace, quello verde rafforza questo significato simboleggiando la salute e la vitalità.

Le leggende

Il crisantemo è il protagonista di almeno un paio di leggende. Quella più nota è quella della bambina che voleva aumentare gli anni di vita della madre, dove ogni petalo di questo fiore rappresentava un anno di vita della madre. Ma viene narrata anche la leggenda del soldato che utilizzava il crisantemo per prolungare i giorni di licenza da passare con la sua amata.