La mano di Buddha, il limone esotico dalla forma evocativa

La mano di Buddha è uno degli agrumi più antichi. A volte descritto come un “limone con le dita”, questo strano cedro è apprezzato per la sua dolce fragranza floreale e la sua delicata scorza. Al suo interno c’è poca polpa o succo: è tutta buccia e midollo. Per questo motivo, Buddha’s Hand non è da”mangiare”, ma la scorza può essere candita o utilizzata in cottura per aromatizzare.
Valentina Rorato 10 Febbraio 2022
* ultima modifica il 28/02/2022

La mano di Buddha è un agrume della famiglia dei cedri, che sembra un limone da cui crescono lunghi segmenti simili a dita. Sebbene non contenga frutta o polpa, è estremamente profumato e la buccia può essere utilizzata per numerosi piatti, come condimenti per insalate, marinature, prodotti da forno e bevande.

Che cos’è

Impossibile non fermarsi a guardare la mano di Buddha, un’originale varietà di limone estremamente bitorzoluta e costosa (circa 25/30 euro al kg). Il suo antenato, il cedro, potrebbe essere stato portato in Cina dall'India dai monaci buddisti e coltivato nell'antica Cina vicino alla valle dello Yangtze. In Cina e Giappone, l'ibrido, noto anche come Fingered Citron, viene servito intorno al nuovo anno perché si crede che simboleggi felicità, ricchezza e longevità.

Come puoi aver capito, la mano di Buddha, o cedro dalle dita (Citrus medica var. sarcodactylis) prende il nome dalla sua forma insolita, che ricorda una mano con più dita divaricate, anche se alcune coltivazioni assomigliano più a una mano chiusa che a una aperta.

L'albero da cui proviene è esteticamente originale come il frutto: sembra un baldacchino alto al massimo 3,5 metri. Storicamente, il potente profumo di lavanda rendeva la pianta attraente anche per scopi ornamentali.  Il frutto, come anticipato, ha poca o nessuna polpa e nessun seme, come la maggior parte degli alberi da frutto commerciali, e per questo motivo deve essere innestato per propagarsi. Ma solo perché ha molta buccia non significa che non puoi gustarlo!

Proprietà e benefici

Il contenuto nutrizionale della mano di Buddha è paragonabile a quello della buccia di limone cruda, il che significa che 1 cucchiaino (2 grammi) contiene quantità trascurabili di proteine, carboidrati, grassi, oltre a meno di 1 caloria. È un'ottima fonte di vitamina C, importante per sostenere la produzione di collagene all'interno della pelle, ridurre l'infiammazione e promuovere il buon funzionamento del sistema immunitario. I frutti contengono anche alcune fibre per regolare il tratto digestivo e calcio, per promuovere la salute della ossa.

Usi in cucina

Come altre varietà di cedro, la mano di Buddha viene utilizzata principalmente per la scorza e la buccia. In effetti, la maggior parte delle varietà di cedro a dita non ha frutta o polpa da mangiare né all'interno delle dita ricoperte di buccia né all'interno della base del frutto.

Per usare la mano di Buddha, stacca un "dito" dalla mano e grattugia o sbuccia l'esterno del limone. Ovviamente, la regola è la stessa per tutte le scorze: devi rimuovere solo la parte più esterna e colorata, non il midollo bianco perché è amaro.

Usa la scorza grattugiata per dare profumo ai prodotti da forno, ai condimenti per insalate, al bevande (soprattutto i cocktail), alle marinature o a qualsiasi piatto o ricetta che richieda la scorza di limone o la scorza d'arancia. Si noti che il suo aroma è piuttosto intenso e quindi ne devi usare davvero poco.

Fonte | Current Biology

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.