La yierba mate (o mate): scopri tutte le proprietà di una bevanda che alcuni usano al posto del caffè

La yerba mate è una pianta nota soprattutto per l’infuso che si ricava dalle sue foglie, conosciuto anche come mate. In America Latina questa bevanda viene associata a un vero e proprio rito, come in Italia potrebbe essere il caffè, ma ha anche tante proprietà tutte da scoprire. Vediamo come avviene la preparazione, dove si compra e quali sono le controindicazioni.
Giulia Dallagiovanna 13 Maggio 2020
* ultima modifica il 13/05/2021

La yerba mate è una pianta originaria del Sud America, appartenente alla famiglia delle Aquifoliaceae, dalla quale si ricava un infuso, simile a tè, chiamato proprio mate e molto diffuso in diversi Paesi dell'America Latina, come il Paraguay, l'Argentina, l'Uruguay o il Brasile.

Si tratta di una bevanda dalle proprietà energizzanti, digestive e anche dimagranti, ma non solo: nei territori di cui ti ho parlato, bere il mate è un vero e proprio rituale, una tradizione irrinunciabile come dimostrato anche da molti personaggi famosi, molto spesso calciatori, che più volte sono stati sorpresi davanti alle telecamere con il proprio recipiente in mano, mentre bevevano l'infuso.

Da un certo punto di vista, si potrebbe dire che il mate sia il corrispettivo del caffè da noi, ma con un minore contenuto di caffeina. In ogni caso, però, ci sono delle controindicazioni a cui prestare attenzione: prima di arrivarci, però, vediamo le caratteristiche della pianta yerba mate, come si prepara l'infuso e quali proprietà gli vengono attribuite.

Cos'è

Partiamo da una distinzione fondamentale per evitare di fare confusione: si chiama yerba mate la pianta dalle cui foglie è possibile ricavare il mate, ovvero l'infuso di cui ti ho parlato. Di fatto, però, nel linguaggio comune questi due termini sono finiti per diventare interscambiabili, quindi non ti stupire se senti qualcuno riferirsi alla bevanda come yerba mate, starete entrambi intendendo la stessa cosa, pur chiamandola diversamente.

Come ti ho anticipato, questa pianta è diffusa in America Latina, dove bere il mate è un vero e proprio rito, come per noi può essere il caffè. Furono addirittura gli indios a insegnarlo ai conquistatori spagnoli, mostrandogli come la bevanda andasse servita all'interno di una zucca vuota, la cui forma viene richiamata dai recipienti che vengono usati ancora oggi.

La pianta

La yerba mate, che in ambito botanico viene indicato come Ilex paraguariensis, è una pianta che appartiene alla famiglia delle Aquifoliacee. Si tratta di un sempreverde che può raggiungere addirittura i 20 metri di altezza. Quando sbocciano, i fiori sono bianchi e raccolti in grappoli mentre le bacche sono rosse. Ma, come ti dicevo prima, è dalle sue foglie grandi, carnose e lucide che si ricava il mate, l'infuso così popolare in Sud America.

Valori nutrizionali

Trattandosi di un infuso, l'apporto calorico dipenderà direttamente dalla quantità di yerba mate che utilizzerai. Per darti un riferimento, considera che in un cucchiaio e mezzo di foglie ci sono circa 5 calorie, oltre ai seguenti nutrienti:

  • Vitamina A
  • Vitamina B1
  • Vitamina B2
  • Vitamina B3
  • Vitamina C
  • Potassio
  • Calcio
  • Ferro
  • Magnesio
  • Fosforo
  • Manganese
  • Selenio

Proprietà

La prima cosa che devi sapere rispetto alle proprietà della yerba mate è che contiene l'1-2% di caffeina. Questo significa che il mate non sarà una bevanda eccitante al pari del caffè, ma può comunque apportarti qualcuno dei suoi benefici. È ad esempio un tonificante naturale, che può aiutare anche a lenire il mal di testa ed è consigliato se hai bisogno di migliorare le performance mentali.

Il fatto di essere assunto tramite infuso, infatti, gli permette di avere anche proprietà diuretiche, che aiutano a contrastare la cellulite e a depurare l'organismo. Inoltre, le sostanze che contiene possono ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e il presentarsi di picchi glicemici subito dopo il pranzo, per allontanare ancora di più il rischio di obesità e di diabete. Sembra infatti che il mate aiuti a bruciare i grassi più rapidamente e a indurre un senso di sazietà che ti eviterebbe di ricorrere a troppi spuntini tra un pasto e l'altro, ma va detto che al momento non ci sono ancora chiare evidenze scientifiche che confermino questi effetti.

Il mate può favorire la perdita di peso, aiutandoti a bruciare il grasso accumulato

Sempre dopo mangiato, inoltre, questa bevanda può anche velocizzare il processo digestivo e fornire energia alle tue cellule in modo più rapido. Non dovresti poi sottovalutare il fatto che il mate contenga un'elevata concentrazione di polifenoli, che può donare all'infuso un'importante azione antiossidante.

Altre sostanze nutritive importanti sono la teobromina, i tannini, il potassio, la vitamina C, la vitamina J e alcune vitamine del gruppo B. Un mix che favorisce soprattutto il tuo sistema immunitario e lo potenzia.

Controindicazioni

Il mate, come avrai capito, è una bevanda abbastanza assimilabile al caffè e infatti le sue controindicazioni non sono poi tanto diverse. Prima di tutto, viene sconsigliata a chi già soffre di insonnia, ipertensione o problemi di cuore. Inoltre, in un primo momento potrebbe provocare vertigini e irritabilità, ma va anche detto che questi effetti collaterali tendono a sparire a mano a mano che il tuo organismo si abitua al nuovo alimento.

Bisogna poi ricordare che il consumo prolungato di bevande molto calde aumenta il rischio di soffrire di cancro alla cavità orale, alla laringe o all'esofago.

Il consiglio è quindi quello di non esagerare con la quantità e di lasciarlo un po' a raffreddare prima di berlo. Se poi hai un dubbio, chiedi sempre un parere al tuo medico.

Preparazione

Come ti dicevo, la yerba mate viene usata prima di tutto per preparare l'omonimo infuso. Per ottenerlo, dovrai cominciare riempiendo il recipiente di foglie di mate fino a superare di poco la metà. Successivamente, tappa il recipiente con una mano e comincia ad agitarlo e capovolgerlo, eliminando la polvere che si sarà depositata sul tuo palmo. Premi poi la yerba mate contro le pareti del recipiente, come a formare un piccolo cratere nel mezzo; solo a questo punto potrai aggiungere l'acqua calda, che non dovrà mai bollire, per poi inserire la bombilla, ovvero l'apposita cannuccia utilizzata per bere il mate.

Se la tua materia prima è la yerba mate secca, già preconfezionata, la preparazione potrà essere più simile a quella del tè, con le foglie lasciate in infusione nell'acqua calda.

Arrivati a questo punto, ti starai ponendo una domanda decisamente comune: dove si può comprare la yerba mate? Oggi grazie al web non dovrebbe essere particolarmente difficile ottenerla con una spedizione, ma senza ricorrere al mondo online potresti riuscire a trovarla in supermercati o erboristerie ben fornite oppure in quegli splendidi alimentari etnici specializzati nei prodotti sudamericani, che però sono più diffusi nelle grandi città.

Fonte| Humanitas

(Modificato da Alessandro Bai l'1-12-2020)

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.