Le mille proprietà del tè verde, l’infuso che mantiene giovani e allunga la vita

Il tè verde viene ottenuto dalle foglie più giovani della pianta del tè e il suo beneficio più conosciuto è probabilmente quello antiossidante, ma questa bevanda contribuisce anche a proteggere cuore e arterie, ossa, cervello e…bellezza. Davvero una buona abitudine da adottare, stando attento alle controindicazioni.
Giulia Dallagiovanna 25 Maggio 2020
* ultima modifica il 25/05/2020

Fa bene alla tua salute, ti aiuta a dimagrire e ti allunga anche la vita. Dei benefici del tè verde si parla tantissimo ormai, ma quali sono le vere proprietà di questo infuso? Forse è la sua storia, profondamente legata alla cultura orientale, che ti affascina così tanto, oppure hai deciso di prenderti cura di te anche attraverso quello che mangi. In ogni caso, se hai comprato una confezione di questa bevanda hai fatto un'ottima scelta e ora scopriremo insieme perché.

La pianta

Il tè verde viene ottenuto dall'infusione delle foglie della stessa pianta dalla quale si estrae il tè nero, la Camellia sinensis (o Thea sinensis), che appartiene alla famiglia delle Teacee. Si tratta di un arbusto basso e con tanti rami sottili, simile a una siepe. È normale che questo rituale venga associato all'estremo Oriente, dal momento che le piantagioni si ritrovano soprattutto in Cina, India e Giappone e, più sporadicamente in Indonesia e nell'America del Sud.

Se ti sei chiesto come mai in commercio ci siano così tante varietà di tè, dai mille nomi diversi, devi sapere che non è l'origine a variare. Si tratta infatti della stessa pianta, ma non dei medesimi processi di lavorazione. Ad esempio, il tè nero, quello forse più diffuso in assoluto, viene sottoposto a una procedura di fermentazione che gli conferisce l'aroma desiderato, mentre il verde viene ricavato dalle foglie più giovani e che di norma crescono in cima all'arbusto.

Le proprietà

La prima proprietà del tè verde che devi conoscere riguarda la concentrazione di antiossidanti, che è la più alta che puoi trovare in natura. Viene garantita dall'elevata presenza di polifenoli e in particolare delle catechine, un tipo di flavonoidi che riescono a contrastare la formazione di radicali liberi, i principali colpevoli dell'invecchiamento cellulare. Queste sostanze sono inoltre in grado di ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue e per questa ragione aiutano a proteggere il cuore e le arterie, contribuendo alla prevenzione dalle malattie cardiache.

Il tè verde contiene la più alta concentrazione di sostanze antiossidanti che si può trovare in natura

Sembra poi che il tè verde sia anche un alimento antitumorale, perché una di queste sostanze, cioè l'epigallocatechina gallato, si è dimostrata spesso in grado di frenare la crescita e la proliferazione delle cellule cancerogene. Ma farebbe anche bene alle tue ossa e ai tuoi denti. Essendo ricco di fluoro, infatti, può portare nuovo nutrimento a questi tessuti e permettere la loro mineralizzazione, contrastandone invecchiamento e usura.

E continuando nell'elenco si incontrano i polmoni e l'intero apparato respiratorio, dove il tè verde giocherebbe un ruolo importante aiutando a contrastare gli effetti più negativi del fumo. Infine il cervello, il suo effetto di contrasto all'invecchiamento si estende anche alle cellule celebrali e ai neuroni, che questa sostanza contribuirebbe a proteggere, allontanando anche il rischio di insorgenza di malattie neurodegenerative.

I benefici

I benefici che il tè verde può portarti riguardano anche il tuo aspetto estetico. Oltre ad essere un valido rimedio naturale anti-age, ti aiuterà anche a dimagrire più rapidamente. Le metilxantine contenute infatti ostacolano l'assorbimento di zuccheri, tenendo anche a bada la glicemia nel mentre, e favoriscono invece l'eliminazione dei grassi, soprattutto di quei residui che hanno ormai formato dei cuscinetti e che sono i più lenti ad andarsene. Non solo, ma li trasforma in energia, perciò le tue batterie saranno più cariche per affrontare la giornata.

E naturalmente, come ogni infuso, rende più frequente la diuresi, il che significa che favorisce anche la depurazione del corpo da tutte le tossine e drena i liquidi, anche quelli che vengono trattenuti in punti critici come i glutei. Insomma, niente più cellulite e buccia d'arancia. Però diventa utile anche nel caso tu soffra di infezioni urinarie come la cistite.

Quando berlo?

Non c'è un momento della giornata più indicato per bere il tè verde e dovresti decidere tu quando assumerlo, in base ai tuoi orari ma anche ai benefici sui quali vuoi puntare. Se infatti lo inserisci nella tua routine della colazione ti aiuterà sicuramente ad avere più energie e ad essere più concentrato durante il giorno, oltre a fare il pieno di tutti i nutrienti che contiene. Per esaltare però le proprietà dimagranti è meglio berne una tazza dopo i pasti.

Le controindicazioni

Fino ad ora ne abbiamo elencato gli innumerevoli benefici ma, anche se sembra impossibile arrivati a questo punto, il tè verde ha anche delle controindicazioni. Innanzitutto contiene meno caffeina rispetto alla varietà nera, ma non ne è del tutto esente. Questo vuol dire che se ne bevi più di tre tazze in un giorno puoi rischiare di avere episodi di tachicardia, ansia, nausea e vomito. E per la stessa ragione, se decidi di berlo prima di coricarti potresti anche trascorrere una notte insonne.

Dovresti poi ridurre le quantità, e magari chiedere anche il parere al tuo medico, se soffri di problemi alla tiroide e al fegato, perché questo infuso può anche scatenare l'effetto opposto a quello desiderato. Può cioè favorire lo stress ossidativo delle tue cellule e risultare tossico per il tuo organo epatico. Anche se in questo caso più che alla bevanda in sé dovresti fare attenzione ai prodotti che contengono l'estratto concentrato della pianta. Infine, deve stare attento chi segue una terapia antitumorale con il farmaco bortezomib, perché potrebbe ridurne se non annullarne l'effetto.

Fonte| Humanitas

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.