Le proprietà del burro di karitè, il prezioso olio lavorato a mano dalle donne africane

Il burro di karitè è famoso per essere un prezioso alleato di bellezza, ideale per idratare la pelle, prevenire le rughe, ma anche per curare i capelli danneggiati. Può essere molto costoso perché la lavorazione, ancora oggi, è fatta totalmente a mano e ci vogliono moltissime noci per ottenere una quantitativo utile alla cura del corpo.
Valentina Rorato 10 Marzo 2021

Il burro di karitè è un prodotto naturale molto usato come idratante per la pelle. È spesso ingrediente di lozioni, saponi, balsami e creme e vanta proprietà eccellenti, grazie alla ricchezza di vitamina A ed E. Ma sai da dove viene e quali sono i benefici?

Che cos’è

Il burro di karité è un olio solido estratto dal frutto dell'albero di karité. Questa pianta è originaria delle savane dell'Africa occidentale e centrale. Sebbene gli alberi non siano coltivati, sono ampiamente usati per cibo e cosmetici dai nativi di quelle regioni. La maggior parte delle noci di burro di karité vengono esportate per la lavorazione, ma alcune società di commercio equo e solidale stanno lavorando per mantenere la produzione dei prodotti nei villaggi africani, per proteggere le economie locali. In generale, sono le donne che fanno il duro lavoro di estrazione e preparazione del burro.

Il burro di karitè è tradizionalmente prodotto a mano. Prima vengono raccolte le noci della pianta, poi viene rimossa la polpa e il seme (o dada) viene essiccata. Dalla noce si estrae un olio bianco o giallo, che viene lasciato indurire. Una volta solido si formano delle palline per l'esportazione. È un prodotto prezioso, pensa che occorrono circa 20 ore di lavoro per produrre un 1kg di olio.

Proprietà

L'olio di karitè è ricco di acidi grassi stearici e oleici. Per questo motivo, viene utilizzato negli shampoo per riparare i capelli danneggiati e ridurre la forfora. Può anche essere usato come detergente per la pelle sensibile ed è adatto anche per coloro che soffrono di eczema o altre infiammazioni.

E non è tutto, perché l'alto contenuto di grassi lo rende un unguento efficace e lenitivo per piccoli tagli e ustioni, ed è molto efficace nel trattamento di labbra, piedi e mani screpolate. Contiene anche acido cinnamico, una sostanza chimica che blocca alcuni raggi ultravioletti del sole.  Ha livelli significativi di vitamine A ed E, preziosi antiossidanti, che proteggono le cellule della pelle dai radicali liberi che possono portare a un invecchiamento precoce e a una pelle opaca. Inoltre, contiene triterpeni. Si ritiene che questi composti chimici presenti in natura disattivino la distruzione delle fibre di collagene. Ciò può ridurre al minimo la comparsa di rughe sottili e rendere la cute più tonica.

Come usare il burro di karité

Prima di tutto puoi scegliere di usarlo in purezza o comprare dei prodotti che lo contengono. Il burro crudo e non raffinato è facile da spalmare. Si consiglia si scaldarlo un po’, anche solo con le mani, per renderlo più scivoloso. E va massaggiato fino a completo assorbimento. Ha un odore poco piacevole, magari potresti mescolarlo con un olio vettore, come quello di mandorle.

Lo puoi applicare anche sui capelli, al posto del balsamo. Se i tuoi capelli sono naturalmente lisci, sottili o fini, considera l'uso di questo prodotto solo sulle punte, perché può appesantire troppo le chiome e dare un aspetto oleoso.

Effetti collaterali

Sono rarissimi gli effetti collaterali, perché questo è un burro davvero molto ben tollerato. Non ci sono casi documentati di allergie topiche, ma ovviamente le persone allergiche alle noci dovrebbero evitarne l’applicazione o fare prima un piccolo patch test per verificare che non subentrino reazioni. Interrompi l'uso se inizi a provare prurito o noti irritazione e infiammazione. Rivolgiti al medico con urgenza se avverti dolore intenso, gonfiore o difficoltà a respirare .

Conservazione

Il burro di karitè va conservato leggermente al di sotto della temperatura ambiente, in modo che rimanga solido e facile da spalmare. Se hai comprato l’olio crudo, il consiglio è di metterlo in un barattolo di vetro, chiuso eremeticamente, e appoggiarlo poi in frigorifero. Non lasciarlo su un tavolo vicino a una finestra soleggiata, vicino a una stufa o un elemento riscaldante. La durata dipende molto dalla conservazione. Buttalo se noti un cambiamento di colore, odore o consistenza.

Dove trovarlo

Il burro di karitè viene venduto nella sua forma pura o può essere utilizzato come additivo. Le forme raffinate sono impiegate in moltissimi prodotti della grande distribuzione. Se lo vuoi crudo devi rivolgerti a negozi equo-solidali, biologici o aziende che si occupano di prodotto bio o naturali.