Le proprietà del tè bianco, l’infuso amato dalla dinastia Qing

Il tè bianco è un tè molto delicato, ricco di antiossidanti e costoso. Come mai? Viene raccolto a mano e lasciato al sole a essiccare. Questo metodo, laborioso e completamente naturale, lo rende una bevanda eccezionale da un punto di vista nutrizionale, ma anche un po’ più esclusiva rispetto agli altri infusi.
Valentina Rorato 25 Maggio 2021
* ultima modifica il 25/05/2021

Il tè bianco è un tè dal sapore delicato, adatto a chi non ama infusi dal gusto forte e con un contenuto ridotto di caffeina. Può essere quindi un’interessante via di mezzo tra il tè nero e il tè verde. Lo hai mai assaggiato? Ti piace questo prodotto?

Che cos’è

Il tè bianco è un tipo di tè, famoso per il basso contenuto di caffeina. Viene raccolto all'inizio della stagione primaverile (tra metà marzo e i primi di aprile) ed è composto da gemme e nuove foglie. Prende il nome dalla peluria bianca sulle foglie giovani che aiuta a proteggere la nuova crescita della pianta del tè (la famosa Camellia Sinensis) dagli insetti. Poiché viene raccolto a mano, secondo rigorosi standard tramandati dalla dinastia Qing (1796), per un breve periodo ogni anno, tende ad essere più costoso di altri tè e quindi è considerato un po’ più esclusivo.

Il tè bianco è composto da giovani foglie di tè primaverili che vengono tradizionalmente coltivate nella provincia cinese del Fujian. Le foglie, dopo la raccolta, vengono appassite e quindi essiccate immediatamente utilizzando la luce solare naturale (non vengono né cotte né pressate). Per questo motivo, è caratterizzato da un colore oro chiaro con una fragranza floreale. A seconda del tipo di tè bianco, il sapore può variare da legnoso a dolce, da fiorito a fruttato. Ed è meno forte e amaro del tè nero. Inoltre, il metodo di essicazione utilizzato, totalmente naturale, preserva i benefici del tè, soprattutto la quantità di antiossidanti presenti.

Tipi di tè bianco

I tipi di tè bianco sono diversi e nei negozi potresti trovare molte varietà. Quale scegliere? È solo una questione di gusto e ovviamente di budget.

  • Aghi d'argento: è il tè bianco più pregiato per il suo sapore puro, l'aroma floreale e il colore dorato. Peonia bianca: è un altro tè pregiato e ha un sapore dolce e nocciola ed è spesso venduto come monorigine e utilizzato in miscele.
  • Tè bianco Darjeeling: è coltivato in India e ha caratteristiche molto diverse
  • Fiori di pesco: è caratterizzatob da un sapore molto fruttato. Le note di pesca sono esaltate da sentori di mela cotogna e mandarino.
  • Tribute Eyebrow e  Noble, Long Life Eyebrow: sono qualità raccolte più tardi e quindi a livello sensoriale leggermente inferiore.
  • Fujian New Craft: è uno dei tè più recenti della famiglia del tè bianco, perché la raccolta è iniziata alla fine degli anni 60. È stato sviluppato per soddisfare la crescente domanda di tè bianco nel mercato cinese e proviene dalla contea di Fuding nella provincia del Fujian. Un tè bianco interessante e ingannevole nella migliore delle ipotesi, questo tè viene lavorato appassendo, arrotolando leggermente e asciugando le foglie, dandogli l'aspetto di un tè nero.

I valori nutrizionali

Questi sono i valori nutrizionali di cento millilitri (circa 100 grammi) di tè verde (infuso preparato con acqua). I valori del tè bianco sono approssimativamente gli stessi.

  • Acqua 99 grammi
  • Proteine 22 grammi
  • Ferro 0.02 mg
  • Magnesio 1 mg
  • Potassio 8 mg
  • sodio 1 mg
  • zinco 0.01 mg
  • Vitamina C 0,3 mg
  • Vitamina B1 0,007 mg
  • vitamina B2 o Riboflavin 0,06 mg
  • vitamina B3 o Niacina 0,03 mg
  • vitamina B6 0,005 mg

Le proprietà e i benefici

Le proprietà e i benefici del tè bianco sono spesso paragonate a quelle del tè verde. Prima di tutto è molto ricco di antiossidanti e ciò significa che dovrebbe contribuire alla stimolazione del sistema immunitario, ma anche a prevenire l’ossidazione cellulare. Inoltre, poiché il tè bianco è il tipo di tè meno elaborato, molti dei benefici naturali per la salute sono meglio conservati. I polifenoli nel tè (particolarmente abbondanti nella maggior parte dei tè bianchi) sono noti per aiutare ad abbassare la pressione alta e il colesterolo.

Un’altra caratteristica di questo tè è il basso contenuto di caffeina, che varia a seconda del prodotto. Se preparato a una temperatura adeguatamente bassa per un breve periodo di tempo, una tazza (150 ml) può contenere fino a 6 milligrammi di caffeina (nulla, rispetto agli 80-200 milligrammi di una tazza di caffè lungo o americano, il corrispettivo di 2 espressi). Il tè bianco cinese contiene meno caffeina di quello indiano. In questo caso a volte potresti avere un livello di caffeina simile al tè verde e persino al tè nero (fino a 75 milligrammi per tazza). Fai dunque attenzione all’origine.

Come si beve

Il tè bianco si beve appena preparato, quindi caldo. Per conservare il suo sapore delicato, i dolcificanti e il latte non dovrebbero essere aggiunti e spesso viene servito da solo o con uno spuntino leggero. A differenza del tè nero, dovrebbe essere preparato a una temperatura relativamente bassa per mantenerne le caratteristiche fresche. Usa acqua pulita e pura (non distillata) che non sia ancora bollente.

La maggior parte dei tè bianchi necessita di infusione per un minimo di un minuto fino a un massimo di cinque minuti. Alcune varietà diventeranno astringenti e amare se lasciate in infusione troppo a lungo o preparate con acqua troppo calda.

Fonte | Humanitas

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.