Perché fa male trattenere la pipì? Tutti i possibili rischi di questa abitudine scorretta

Saper di dover andare in bagno, ma rimandare perché si è impegnati o semplicemente non si ha voglia. Purtroppo, questa è un’abitudine estremamente diffusa. Ma lo sai che può avere delle conseguenze sulla tua salute?
Valentina Rorato 14 Novembre 2022
* ultima modifica il 20/11/2022

Trattenere la pipì non è mai una buona idea. Come regola generale dovresti andare in bagno ogni 3/6 ore a seconda di quanto hai bevuto o comunque assunto alimenti che possono avere un effetto diuretico. Questo intervallo temporale può variare anche in base alle dimensioni effettive della tua vescica, alla sensibilità, alle abitudini e all'età. C'è un fenomeno che affligge le persone indaffarate: la procrastinazione della pipì, ovvero sapere di dover liberarsi ma non farlo. È un’abitudine molto scorretta, che può avere delle conseguenze sulla salute. Quali sono?

Incidenti imbarazzanti

Nella migliore delle ipotesi, potresti essere vittima di qualche incidente imbarazzante, perché potresti non arrivare in tempo in bagno. Immagina la tua vescica come un pallone d'acqua che si sta riempiendo: più a lungo trattieni il contenuto, più diventa grande e pesante. E i muscoli che si contraggono per mantenere sigillata la vescica possono resistere alla pressione solo fino a un certo punto, poi tendono a perdere. E ciò si traduce con slip bagnati.

Il pavimento pelvico

Quando costringi la tua vescica a portare costantemente in giro per ore la tua pipì, i muscoli del pavimento pelvico iniziano a perdere forza. Queste fasce  si contraggono in modo coordinato per aiutarti a rilasciare la pipì o a trattenerla, ma se trattieni continuamente l'urina, puoi finire con una vera disfunzione dei muscoli del pavimento pelvico.  Nel tempo, ciò può farti perdere il controllo delle funzioni della vescica. Ricordati di fare gli esercizi di Kegel.

Dolore

Quella sensazione che provi dopo averlo a lungo la pipì è simile al sollievo. Se però continui a trattenere l’urina, potresti avvertire dolore costante. Come mai? Eserciti una pressione costante sui muscoli, che poi perdono la capacità rilassarsi.  E il dolore può durare per giorni.

La vescica potrebbe allungarsi

Qual è dei grandi effetti collaterali di una vescica sovraesposta? Il tuo corpo potrebbe iniziare a perdere segnali che la tua vescica ha bisogno di svuotarsi e quei messaggi che il tuo cervello invia al tuo corpo che ha bisogno di andare in bagno sono importanti. Una vescica piena tende ad allungarsi e a cambiare forma.

Infezioni alle vie urinarie

Se aspetti spesso ad usare il bagno, ti esponi al rischio di sviluppare gravi infezioni del tratto urinario. Leinfezioni delle vie urinariesi verificano quando i batteri sono presenti nelle urine. I sintomi sono bruciore durante la minzione, forte e frequente bisogno di urinare, perdita di urina e sangue,

Qualche consiglio

Fare pipì tra le quattro e le dieci volte al giorno è normale, ma se ti senti come se stessi praticamente vivendo in bagno, ci sono alcune cose che puoi fare. Prima di tutto bere è fondamentale, ma devi evitare gli alcolici. Poi se sei molto impegnato per lavoro o devi viaggiare, magari evita anche i caffè e le bibite prima di questi impegni. La caffeina colpisce alcuni recettori nella parete della vescica, facendo contrarre maggiormente la vescica a volumi inferiori. Allo stesso modo, evita il rumore dell'acqua che scorre veloce. Nessuno sa per certo come mai agisca sulla necessità di andare in bagno, ma probabilmente ha qualcosa a che fare con un riflesso tra il cervello, il midollo spinale e la vescica.

Fonte | Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.