Sotto sale, sott’aceto e sott’olio, ma anche in salamoia: ecco come conservare i capperi

Ricchi di proprietà benefiche per la salute dell’organismo, ma soprattutto tanto gustosi da non poterne mai fare a meno. Un barattolo di capperi sotto sale, sott’aceto, in salamoia o sott’olio, non dovrebbe mai mancare in dispensa. Ecco come conservarli nel modo corretto.
Gaia Cortese 18 Giugno 2021

Disponibili tutto l’anno, ideali per dare sapore a primi piatti e piatti di pesce, i capperi sono una vera e propria eccellenza della cucina mediterranea e, dalla loro, hanno proprietà davvero interessanti per la salute dell’organismo. La parte commestibile della pianta (Capapris spinosa) sono i boccioli ancora chiusi e i piccoli frutti dalla forma allungata, che vengono chiamati cucunci.

Sono una preziosa fonte di flavonoidi, in particolare di quercetina, rutina e kaempferolo. La quercetina aiuta a proteggere le articolazioni, perché è in grado di stimolare le cellule che generano la cartilagine e il liquido sinoviale; la rutina invece è un’alleata del sistema cardiocircolatorio poiché favorisce la microcircolazione, inibisce l’aggregazione piastrinica ed è utile per regolare i livelli di colesterolo. Infine, il kaempferolo non ha solo proprietà antinfiammatorie e proprietà idratanti e fotoprotettive per l’epidermide, ma rinforza anche le difese immunitarie. Detto ciò, non si può pensare di rimanere senza capperi. Ecco quindi come conservali nel modo migliore.

Come conservare i capperi sotto sale

Ingredienti:

  • 750 ml di acqua
  • 500 gr di capperi
  • 150 gr di sale fino
  • sale grosso per conservazione

Procurati un pentolino, aggiungi l'acqua e il sale fino. Appena raggiunto il bollore, togli il pentolino dal fuoco e lascia raffreddare. Appena l’acqua sarà fredda, aggiungi i capperi e tienili in ammollo per 24 ore. Assicurati che l’acqua copra interamente i capperi. Trascorse le 24 ore, scola i capperi e lasciali asciugare al sole fino a quando saranno completamente asciutti. A questo punto puoi conservare i capperi in un barattolo di vetro precedentemente sterilizzato, alternando strati di capperi con strati di sale grosso. Chiudi il barattolo e conservalo in un luogo fresco e asciutto.

Come conservare i capperi sott'aceto

Ingredienti:

  • 1 kg di capperi
  • 1 litro di aceto di vino bianco
  • 2 chiodi di garofano
  • una foglia di alloro
  • sale

Come prima cosa, lava i capperi e scolali. Successivamente, puoi cospargerli di sale prima di lasciarli macerare per almeno un paio di giorni. Trascorso questo tempo, procurati un pentolino e aggiungi un litro di aceto di vino bianco, i chiodi di garofano e la foglia di alloro; poi porta tutto a ebollizione. Dopo circa 2 minuti, togli dal fuoco e lascia intiepidire.

Ora puoi mettete i capperi in un vasetto di vetro sterilizzato e coprirli con l’aceto. Lascia raffreddare completamente, chiudi il barattolo con il suo coperchio e conserva in luogo fresco e asciutto.

Come conservare i capperi sott’olio

Ingredienti:

  • 500 gr di capperi
  • sale fino
  • olio extravergine di oliva
  • aceto

La procedura per la conservazione dei capperi sott'olio è un po' più laboriosa (in termini di tempo), ma il risultato finale ti ricompenserà della tua dedizione. Metti in ammollo i capperi in una soluzione di acqua e sale fino, avendo cura di cambiare l’acqua ogni giorno. Dopo 6 giorni, scola i capperi e immergili in un recipiente con acqua e aceto (una parte di acqua, due di aceto) per altre 24 ore. Trascorso questo  tempo, scolateli di nuovo e mettili all’interno di un barattolo di vetro capiente, coprili con l’olio e chiudi con un tappo a chiusura ermetica.

Come preparare i capperi in salamoia

Ingredienti:

  • capperi (cime dei rami e foglie)
  • acqua
  • 1 l di acqua e 150 gr di sale fino (per la salamoia)

Direttamente dalla pianta del cappero, raccogli le cime dei rami e le foglie, per lavarle molto bene sotto il getto dell'acqua del rubinetto. Poi trasferisci tutto in un colapasta e lascia sgocciolare. Procurati una pentola capiente e porta a ebollizione abbondante acqua non salata. Versaci quindi le cime dei rami e le foglie delle piante del cappero e mescola per circa 1 minuto.

Sia le cime che le foglie devono rimanere crude e croccanti quindi vanno appena sbollentate. Scolale e falle raffreddare passandole sotto l’acqua fredda del rubinetto. Poi, mettile in una ciotola con abbondante acqua fredda e lasciale in ammollo per 2 giorni avendo cura di cambiare l’acqua almeno 3 volte al giorno.

Trascorsi i 2 giorni, porta a ebollizione un litro di acqua e 150 grammi di sale in una pentola, poi lascia raffreddare la salamoia ottenuta. Metti le cime dei rami e le foglie in un recipiente di adeguate dimensioni e versaci sopra la salamoia fino a coprirle. Le tue foglie di cappero in salamoia sono pronte: chiudi con il coperchio e conserva in un luogo fresco e asciutto. Ricordati solo di sciacquarle e asciugarle con un foglio di carta assorbente da cucina, prima di utilizzarle.