Vaccinazione eterologa: il mix vaccinale è sicuro?

Per vaccinazione eterologa si intende la somministrazione di vaccini diversi per completare il ciclo vaccinale. Nel caso del vaccino contro il Covid ci si riferisce di solito una prima dose di AstraZeneca e a una seconda di Pfizer, modalità destinata agli under60 che avevano giù ricevuto la prima iniezione.
Dott. Albert Kasongo Medico vaccinologo
29 Giugno 2021 * ultima modifica il 29/06/2021

In considerazione delle segnalazioni di nuovi eventi avversi (nonostante la loro frequenza rimanga ancora molto rara) che riguardano la somministrazione del vaccino di Astrazeneca, il Comitato tecnico scientifico ha raccomandato che questo prodotto venga somministrato ai soggetti di età superiore ai 60 anni. Per tutti gli under60, invece, è stato proposto di ricorrere alla somministrazione della seconda dose con un vaccino diverso, a m-RNA(Pfizer). Questa proposta è stata accolta dal Ministero della Salute e ha portato AIFA in data 14 giugno 2021 ad approvare le decisioni degli altri due organi competenti. Stiamo parlando dunque di vaccinazione eterologa.

Sono state tante le notizie riportate in merito a questo cosiddetto “mix vaccinale” ma di cosa stiamo parlando in realtà?

Vaccinazione eterologa

Cos'è

La vaccinazione eterologa non è altro che la somministrazione di vaccini diversi, che possono sfruttare tecnologie diverse, per completare un ciclo vaccinale. Per ciclo vaccinale intendiamo l’inoculazione solitamente di 2 o più dosi di vaccino che di solito avviene con lo stesso preparato. In questo caso, per le dosi successive alla prima, è stata prevista la somministrazione di un vaccino diverso dal primo. Nel caso della vaccinazione anti-Covid19 ci stiamo riferendo agli under60 che hanno ricevuto la prima dose di Astrazeneca e che completeranno il ciclo con uno dei 2 vaccini a m-RNA disponibili cioè Pfizer o Moderna.

È efficace?

Abbiamo a disposizione uno studio spagnolo e uno studio britannico che hanno preso in esame questa evenienza arrivando alla conclusione che questo metodo sia risultato efficace. Nel dettaglio:

  • Doppia dose Pfizer: ha dato i risultati migliori in termini di produzione di anticorpi
  • prima dose Astrazeneca e seconda dose Pfizer: ha dato risultati migliori in termini di produzione di cellule T (sono quelle cellule che rappresentano la prima linea di difesa nei confronti dell’attacco del virus)
  • prima dose Pfizer e seconda Astrazeneca: leggermente meno efficace rispetto alla combinazione opposta
  • Doppia dose Astrazeneca: leggermente meno efficace rispetto alla vaccinazione eterologa in termini immunitari

Gli effetti collaterali

Ci sono maggiori rischi o effetti collaterali rispetto alla vaccinazione omologa (2 o più dosi con lo stesso vaccino?)

È stata riscontrata una reattività maggiore nella vaccinazione eterologa. Vuol dire che sono stati segnalati maggiori episodi febbrili in chi ha ricevuto la seconda dose con un vaccino diverso. Ad ogni modo, anche chi ha ricevuto la seconda dose con lo stesso prodotto non è esente dallo sviluppo di effetti collaterali.

In conclusione, la vaccinazione eterologa è risultata essere efficace e non ha riportato rischi maggiori nei soggetti che l’hanno ricevuta. Rappresenta una svolta importante nella campagna vaccinale in quanto supera l’ostacolo dell’approvvigionamento delle seconde dosi e permette di aumentare il numero di persone da poter vaccinare.

Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari, ha maturato esperienza in numerosi ambiti collaborando con diverse altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.