Vertigini da cervicale: quali sono i rimedi utili

Quando la cervicale crea problemi spesso tra i sintomi compaiono proprio le vertigini. Proviamo a capire meglio cosa si possa fare per alleviare questo disturbo fastidioso.
Valentina Danesi 8 Ottobre 2022
* ultima modifica il 15/10/2022

Quando in gergo comune si parla di soffrire di cervicale, spesso si intende un dolore che parte dal collo e arriva provocare mal di testa, nausea e persino vertigini. Spesso la causa principale è la postura scorretta che manteniamo durante il giorno, soprattutto mentre siamo al lavoro. Proviamo a capire quali rimedi esistano contro le vertigini da cervicale.

Cosa sono

Puoi soffrire di vertigini per varie ragioni e tra queste c’è anche la cervicale.

L’organo che gestisce il tuo sistema di equilibrio è l’apparato vestibolare, un sistema che si trova all'interno del tuo orecchio. Un insieme di nervi e canali che invia all'encefalo tutte le informazioni che recepisce. Ecco perché si parla di vertigini cervicogeniche o di vertigini cervicali: sono dovute a un trauma o un disequilibrio proprio in quella zona. Ecco una breve lista di cause tipiche di vertigine cervicale:

  • traumi cranici
  • artrosi del rachide cervicale
  • ernie dei dischi (naturalmente a livello cervicale).

I rimedi

Ora che abbiamo conosciuto il problema, possiamo dividere in due tipologie gli approcci per alleviarlo, o meglio ancora farlo passare del tutto: manipolazione fisica o approccio farmacologico.

Manipolazioni e mobilizzazioni

Le manipolazioni non sono altro che massaggi e semplici mosse eseguite da un fisioterapista o da un medico qualificato e che servono per alleviare l'infiammazione dell'area dove avverti dolore. La durata delle manipolazioni, che vengono fatte a mani nude dal professionista, e il numero di sedute, ti verranno consigliate direttamente da lui in base alla gravità e alla durata del problema.

Trazione manuale e rieducazione posturale

Si tratta di esercizi che aiutano a potenziare la muscolatura del collo e della schiena e che, nel caso della cervicale, aiuta a sistemare l'equilibrio del collo. Di solito viene consigliato a chi sta molto seduto e spesso assume posture scorrette.

Miglioramento dell’equilibrio

Ci sono alcuni esercizi che il fisioterapista può consigliare e che aiutano a migliorare l’equilibrio e la posizione del corpo se vengono fatti però con costanza e precisione. Eccone un esempio:

  • Muovere la gamba piegata alternativamente in avanti e indietro
  • Chiudere gli occhi
  • Inclinare la testa indietro
  • Inclinare la testa indietro con gli occhi chiusi.

Iniezioni di corticosteroidi nei punti trigger

Quando la manipolazione e i massaggi non sono sufficienti, la stimolazione a muscoli e nervi con iniezioni in punti specifici e nevralgici aiuta a togliere l’infiammazione. Va infatti a interagire direttamente con la parte che causa dolore al paziente. Il vantaggio è che sono molto veloci nel risultato anche se sono più dolorose rispetto ad altri rimedi.

I farmaci

Come ti abbiamo detto i rimedi possono essere anche farmacologici. Ecco quindi le varie tipologie di farmaci che, naturalmente dietro consiglio e prescrizione medica, potresti assumere:

  • antinfiammatori e antidolorifici
  • miorilassanti, ossia farmaci specifici per rilassare i muscoli
  • antivertiginosi (che agiscono più che altro sul sintomo).

I farmaci non possono essere una cura definitiva, ma aiuti per alleviare il dolore nella sua fase più acuta e cui poi va associato uno degli approcci che abbiamo illustrato qui sopra.

Fonte| Cleveland Clinic 

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.