Hai mai provato la banana rosa? Come portarla a tavola con frullati e macedonie di frutta

Se non indicato espressamente, le informazioni riportate in questa pagina sono da intendersi come non riconosciute da uno studio medico-scientifico.
Coltivata come pianta ornamentale in tutto il mondo, la banana rosa è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Musaceae. I suoi frutti, vere e proprie banane di un colore rosa acceso, sono commestibili, dal sapore delicato, ma leggermente acidulo.
Gaia Cortese 16 Agosto 2021

Non è un frutto di fantasia, riprodotto in qualche disegno infantile o inserito in un cartone animato. La banana rosa, o rossa, esiste veramente.

Le sue origini vanno ricercate in Asia, tra le terre dell'Assam e l'Himalaya orientale, ma si tratta di una pianta erbacea che può essere coltivata senza grandi problemi anche dalle nostre parti, purché si abbia a disposizione un certo spazio.

Oltretutto, la banana rosa è un frutto commestibile dal sapore delicato, un po' acidulo, che si accompagna bene con le macedonie di frutta, i frullati e lo yogurt bianco. in ogni caso esistono diverse ricette con la banana rosa come ingrediente principale.

Cosa sapere sulla banana rosa

Origine e descrizione

Originaria dell’Asia, precisamente dell’Assam (stato del nord est dell’India famoso per la coltivazione del tè) e dell’Himalaya orientale, la banana rosa è una piccola varietà di banana commestibile.

Musa velutina è il nome botanico di questa pianta erbacea che si caratterizza per il fusto eretto di colore giallo verde o rosa verde, che può raggiungere anche i 2 metri di altezza. La banana rosa ha poi lunghe e grandi foglie che si sovrappongono e lunghi piccioli che le reggono. La buccia è di un colore rosa caldo, la polpa, dalla consistenza farinosa, è di colore bianco e si contraddistingue per la sua morbidezza. Un’altra curiosa caratteristica di questo frutto è che una piccola banana rosa, lunga quanto un dito, può contenere semi molto grandi, che non sono però commestibili.

Coltivazione

La musa velutina è una pianta erbacea che può essere coltivata sia all’interno che all’esterno, l'importante è proteggerla dalle temperature rigide e assicurarle un luogo luminoso dove poter crescere. Attenzione a rinvasarla ogni anno per permetterle di crescere senza costrizioni.

Terreno e concime

Il terreno richiesto dalla musa velutina è soffice e ricco di sostanze organiche. Se vuoi coltivare la banana rosa, devi preparare il terreno mischiando terriccio universale, torba e un po’ di corteccia sminuzzata finemente. In primavera, invece, è importante non fare mancare alla pianta del concime da pianta da fiore e frutto.

Esposizione

La banana rosa ha bisogno di essere esposta in un luogo luminoso, ma non deve essere esposta direttamente ai raggi solari e al loro calore. In inverno, è sempre consigliabile portare all’interno la pianta per proteggerla dalle basse temperature e ripararla da pioggia e vento

Quanta acqua

Tra marzo e ottobre innaffia regolarmente, mentre negli altri mesi invernali diminuisci le innaffiature, facendo sempre attenzione a evitare i ristagni di acqua.

Moltiplicazione

La moltiplicazione della banana rosa avviene attraverso la semina. Se immersi in acqua per 24 ore circa, i semi della banana rosa possono germogliare facilmente. Diversamente, questa pianta asiatica può riprodursi anche con la divisione dei cespi. una tecnica per cui si divide la pianta madre in porzioni che, una volta sistemate nella terra, attecchiscono e diventano piante autonome.

Malattie e parassiti

Fai attenzione alla cocciniglia, un parassita che può rovinare le foglie della pianta ricoprendole di macchie scure. Per eliminare la cocciniglia aiutati con un batuffolo di cotone impregnato di alcol e strofina leggermente la parte intaccata; in alternativa, puoi anche lavare la pianta con del sapone, risciacquandola accuratamente. Se la situazione non migliora, non ti resta che usare un antiparassitario specifico.

Come si mangia

Dal sapore delicato, forse un po’ acidulo, questo tipo di banana, se ben matura, è molto buona da mangiare al naturale o da aggiungere a una macedonia, a un frullato vitaminico o allo yogurt. La banana rosa si presta anche come ingredienti per torte e altri dolci da forno.

Un altro modo di gustare queste banane è quello di friggerle e farle diventare delle gustose chips: basta tagliarle a fettine e cuocerle in olio bollente. Insaporisci con un pizzico di sale e servi in tavola.

Per colazione o merenda prova invece il banana bread, o pan di banana (a questo link trovi la ricetta).