Cavolo rosso, la nota colorata ai piatti che fa bene alla salute

Il cavolo rosso è un cavolo cappuccio, molto simile a quello verde sia per le proprietà nutrizionali sia per il sapore. E’, però, molto più ricco di antiossidanti, soprattutto antociani, i pigmenti vegetali idrosolubili che lo rendono di colore purpureo, e vitamina C.
Valentina Rorato 31 Agosto 2022
* ultima modifica il 03/11/2022

Il cavolo rosso è un tipo di cavolo cappuccio che ricorda la qualità verde, se non fosse per le sue foglie rosso porpora o violacee. Ha un sapore intenso e un colore che lo rende pittoresco, ma ha anche ottime proprietà nutrizionali.

Cos'è

Il cavolo rosso è un membro della famiglia dei cavoli (Brassicaceae) ed è caratterizzato da una testa tonda e stretta e foglie cerose di colore rosso o viola. Nello specifico, fa parte della specie Brassica oleracea, insieme a broccoli, cavolini di Bruxelles e cavoli. Viene coltivato in tutta Europa, Nord America, Asia e Africa ed è disponibile tutto l'anno.

Il colore rosso deriva da un tipo di pigmenti vegetali noti come antociani, che sono lo stesso composto antiossidante che fa diventare rosse le foglie in autunno. Rispetto agli altri cavoli, ha un sapore più deciso, più pepato e, al tempo stesso, quasi floreale. La cottura tende ad ammorbidirne il gusto e può anche far risaltare le note più dolci. Se servito crudo, ha una consistenza croccante e cerosa.

Valori nutrizionali

Questi sono i valori nutrizionali per 100 grammi di cavolo cappuccio rosso a crudo (la porzione equivale al doppio del peso):

  • Acqua 92.3 grammi
  • Calorie 22 kcal
  • Proteine 1.9 grammi
  • Lipidi 0.2 grammi
  • Colesterolo 0 mg
  • Carboidrati disponibili 2.7 grammi
  • Fibra totale 1.0 grammi
  • Sodio 8 mg
  • Potassio 250 mg
  • Calcio 60 mg
  • Fosforo 24 mg
  • Ferro 1 mg
  • Tiamina 0.06 mg
  • Riboflavina 0.05 mg
  • Niacina 0.6 mg
  • Vitamina C 52 mg

Proprietà e benefici

La principale caratteristica di questo cavolo è data dal suo colore rosso che, come abbiamo anticipato, dipende dagli antociani. È dunque ricco di antiossidanti, che hanno proprietà protettive contro i radicali liberi. Includere il cavolo rosso nella dieta può favorire anche il benessere dell'intestino, perché è una buona fonte di fibre, compresa la varietà insolubile che favorisce la regolarità. La fibra nel cavolo è anche un prebiotico, il che significa funge da fonte di carburante per i batteri “buoni” che vivono nell'intestino. I composti nel cavolo rosso chiamati isotiocianati sembrano essere particolarmente utili perché incoraggiano i batteri intestinali a produrre acidi grassi a catena corta (SCFA), composti preziosi che hanno un'influenza di vasta portata sul nostro intestino e sulla salute in generale.

È un'ottima fonte di vitamina C, fondamentale per mantenere forte il sistema immunitario. È, inoltre, considerato un alleato della linea, perché ipocalorico e non contiene grassi, perfetto dunque per le persone che desiderano perdere peso.

Effetti collaterali

Il cavolo rosso è una verdura sicura per la maggior parte delle persone, ma esistono degli effetti collaterali e delle controindicazioni. Per esempio, possibile essere allergici al cavolo cappuccio a causa della reattività crociata o della "sindrome orale allergica", che include anche piante come melanzane, barbabietole, sedano e peperoni. Una reazione lieve può includere sintomi come prurito alla bocca o alla lingua, starnuti o naso che cola. Se riscontri questi sintomi dopo aver mangiato il cavolo, parla con il tuo medico di famiglia. Se si verifica una reazione allergica più grave, chiamare immediatamente un'ambulanza.

Se hai un problema alla tiroide, ti potrebbe essere consigliato di ridurre la quantità di Brassicaceae che mangi. Questo perché possono interferire con l'assorbimento dello iodio, necessario per la produzione degli ormoni tiroidei. Tuttavia, per poter interferire devono essere mangiate in quantità molto abbondanti; perciò non è necessario che tu le escluda dalla tua alimentazione.

Il cavolo cappuccio è un alimento ricco di fibre, che per la maggior parte di noi è altamente benefico: supporta il processo digestivo e fornisce una fonte di carburante per i batteri sani che risiedono nel nostro intestino. Tuttavia, per alcune persone, i cibi ricchi di fibre possono causare gonfiore e gas. Ciò è particolarmente rilevante per le persone con malattia infiammatoria intestinale, morbo di Crohn o colite ulcerosa.

Usi in cucina

Il cavolo rosso può essere gustato crudo in insalata, o cotto (saltato, bollito o brasato). Viene spesso anche marinato per fare i crauti. Blaukraut, o "cavolo blu", è un piatto popolare in tutta la Germania che viene preparato facendo bollire il cavolo rosso insieme a ingredienti come mele, aceto, aglio, zucchero, semi di cumino e altre spezie, e servito come contorno con carne di maiale e salsiccia.

Il cavolo cappuccio si sposa bene con sapori agrodolci, come mele e agrumi, ed è particolarmente adatto a piatti a base di carne di maiale di ogni tipo.  Un fattore da considerare quando si cucina il cavolo rosso è che può cambiare colore durante la cottura, a seconda del tipo di liquido in cui è cotto. Un liquido acido lo aiuterà a mantenere il suo colore rosso, mentre cuocendolo in un liquido neutro come della semplice l'acqua può fargli assumere un colore viola scuro o bluastro. Per questo motivo, è spesso abbinato alle mele, anche se andrebbe bene anche succo di limone, aceto o vino.

Fonte | Crea

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.