Ciliegie: scopri le proprietà e i benefici per la tua salute

Esistono molte varietà di ciliegie che troviamo sulle tavole soprattutto nei mesi di giugno e di luglio. Oltre a essere gustose, le ciliegie hanno varie proprietà benefiche per il nostro organismo: sono ricche di vitamine A e C, costituiscono un’ottima fonte di antiossidanti e sono poco caloriche.
Federico Turrisi 7 Luglio 2019
* ultima modifica il 14/01/2021

Tempo di estate, tempo di ciliegie. Da fine maggio e per tutto il mese di giugno e poi fino a luglio inoltrato, puoi assaporare questo squisito frutto dalle molte proprietà benefiche. Non tutte le ciliegie però sono uguali: ne esistono infatti diverse tipologie in base alle dimensioni, al colore, al sapore e al periodo di maturazione. Andiamo a scoprirle insieme.

Varietà di ciliegie

La prima classificazione che devi tenere a mente è quella tra ciliegie dolci, che derivano dalla specie Prunus avium, e ciliegie acide, che derivano dalla specie Prunus cerasus. La ciliegia dolce è un frutto carnoso dal colore che può andare dal giallo fino al rosso scuro. In Italia le sottospecie più diffuse sono le duracine (o duroni), dalla polpa soda, e le tenerine (o juliana), dalla polpa più tenera e succosa. Tra le diverse varietà si distinguono le "Bigarreau", tra tutte le più precoci, dal momento che cominciano a maturare già a metà maggio, le dolcissime "Nero", tipiche della zona di Vignola, in Emilia Romagna, le "Anella", dal colore vermiglio e la polpa croccante e succosa, le "Marca", dal bel colore giallo-rosso brillante, e le "Ferrovia", diffusissime in Puglia.

Le ciliegie acide sono di colore rosso scuro intenso e vengono coltivate anche in luoghi dove il clima è più rigido. Si usano per lo più nella preparazione di liquori e si prestano maggiormente a essere cotte per marmellate, sciroppi e canditi. Tra le oltre 250 varietà la più conosciuta è senza dubbio l'amarena, ma ricordiamo anche la marasca e la "Montmorency".

Le uniche ciliegie in Italia ad avere il marchio I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta) sono quella di Vignola e quella di Marostica (provincia di Vicenza).

Proprietà delle ciliegie

Come ti anticipavo, mangiare ciliegie porta una serie di benefici all'organismo. Questo grazie alle molte proprietà di questi frutti deliziosi. Le ciliegie infatti contengono vitamine A, B e C, sali minerali e oligoelementi importanti, come rame, zinco, manganese e calcio. Sono ricche di antocianine che, grazie al loro potere antiossidante, contrastano l'invecchiamento cellulare provocato dai radicali liberi. Le ciliegie inoltre sono una fonte naturale di melatonina, l'ormone che regola il sonno.

Calorie delle ciliegie

Il fatto di essere pressoché prive di grassi e proteine rende le ciliegie un frutto poco calorico. Infatti 100 grammi di ciliegie fresche forniscono al nostro corpo all'incirca 50 calorie, un apporto calorico paragonabile a quello di una mela o di una pesca.

Controindicazioni delle ciliegie

Il consumo di ciliegie non ha controindicazioni particolari. Se mangiate in grandi quantità, possono avere un effetto lassativo e quindi provocare mal di pancia e diarrea. Inoltre sono ipotensive: ciò significa che se soffri di pressione bassa è meglio evitare scorpacciate di ciliegie. Nessuna controindicazione assoluta per obesi e diabetici: le ciliegie infatti contengono levulosio, uno zucchero adatto anche a queste categorie di persone.

Ciliegie o ciliege?

Per concludere una piccola nota grammaticale. Come spiega l'Enciclopedia Treccani, la grafia corrente del plurale di ciliegia è "ciliegie". Fino a circa la metà del secolo scorso era diffusa anche la versione "ciliege", che si ritrova nel titolo dell'ultimo romanzo di Oriana Fallaci, pubblicato postumo nel 2008: Un cappello pieno di ciliege.

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.