Un Natale alla riscoperta della tradizione: conosci la Nuvola di Ghigo, il pandoro tipico di Torino?

Un pandoro tradizionale ricoperto di crema al burro e una valanga di zucchero a velo. La Nuvola di Ghigo è una specialità pasticciera di Torino, che si trova solo durante le festività natalizie. Assaggiare questa prelibatezza è una ragione più che valida per visitare il capoluogo torinese sotto Natale.
Gaia Cortese 17 dicembre 2019

Al civico 52 di via Po, sotto i rinomati portici di Torino, si trova la Pasticceria Ghigo, un'istituzione della città che ancora conserva l'antica insegna in legno scuro con tanto di scritte vintage.  Se dovessi trovarti da queste parti in occasione della festività natalizie, il mio consiglio spassionato è quello di non fermarti ad ammirare le leccornie esposte in vetrina, ma di entrare in pasticceria e qui concederti una pausa e qualche peccato di gola.

Questa Pasticceria Ghigo ha aperto ufficialmente nel cuore della città nel 1870. Per oltre ottant’anni, almeno fino agli anni Cinquanta dello scorso secolo, è stata semplicemente una latteria: da qui, infatti, partiva la distribuzione del latte in tutta la città per mezzo di una cisterna trainata dai cavalli.

Oggi la Pasticceria Ghigo lega la sua fama non solo alle sua cioccolata calda, servita con una sfiziosa paletta di panna, ma anche alla Nuvola di Ghigo, un particolare pandoro tradizionale (qui trovi la ricetta), preparato con lievito naturale e la cui superficie viene cosparsa di crema di burro e poi spolverata di zucchero a velo.

La Nuvola di Ghigo si trova solo nel periodo delle feste di Natale. Se ti trovassi a Torino in un'altra occasione, consolati almeno con dello zabaione, la cui ricetta è stata inventata proprio nella città Sabauda. Si tratta di una crema di tuorlo d’uovo, zucchero e marsala, in genere accompagnata dai classici Savoiardi. L'importante è non lasciare Torino senza essersi tolto qualche sfizio.