Dolci a basso indice glicemico: la ricetta della torta cocco e cacao

È possibile preparare dolci a basso indice glicemico? Basta scegliere gli ingredienti giusti! Puoi, per esempio, preferire farine ricche di fibre, miscelandole a ingredienti gustosi che ti permetteranno di evitare l’aggiunta di zucchero in qualsiasi sua forma. Vuoi un esempio? Leggi la ricetta di questa torta al gusto di cacao e cocco.
Dott.ssa Silvia Soligon Biologa nutrizionista
1 Novembre 2021 * ultima modifica il 01/11/2021

Vuoi limitare l'impatto di quello che mangi sulla tua glicemia, ma non vuoi rinunciare ai dolci? Non ti preoccupare: il tuo desiderio non è irrealizzabile. E non è nemmeno detto che tu debba per forza affidarti a prodotti industriali appositamente pensati per chi, come te, ha questa esigenza. Anzi, nell'intento di riuscire a tenere sotto controllo la concentrazione di zuccheri nel tuo sangue potresti iniziare a sviluppare un certo piacere a darti da fare in cucina, oppure, se già ami passare del tempo fra i fornelli, coltivare questo tuo passatempo per preparare dolci a basso indice glicemico. Ecco una ricetta davvero golosa con cui potrai preparare una torta ai gusti di cocco e cacao.

Perché preferire dolci a basso indice glicemico

L'indice glicemico è il parametro che ti indica quanto un alimento fa aumentare il livello di zuccheri nel sangue (la glicemia). Il suo valore è relativo, nel senso che è stabilito in confronto a un alimento di riferimento (il glucosio o il pane bianco). A sua volta, l'aumento della glicemia porta all'aumento dell'insulina, l'ormone che regola l'ingresso dello zucchero nelle cellule.

Per mantenersi in salute è bene evitare aumenti della glicemia troppo elevati e troppo repentini. Forse avrai sentito qualcuno usare l'espressione “limitare i picchi glicemici”: si riferiva proprio a questo – quindi alla necessità di non far salire la glicemia troppo rapidamente e in tempi troppo brevi. Se convivi con il diabete in una delle sue diverse forme tra diabete di tipo 1, di tipo 2 e diabete gestazionale, o magari con una situazione di pre-diabete, hai già qualche difficoltà a tenere sotto controllo la tua glicemia, e questo è il primo motivo per cui devi evitare i famosi “picchi”. Ma non solo: se sei in sovrappeso, anche se non sei diabetico, l'impatto di pasti con carico glicemico elevato sulla tua glicemia è maggiore rispetto di quello sulla glicemia di persone normopeso.

Gli ingredienti

Per preparare le torta cacao e cocco a basso indice glicemico hai bisogno di 6 ingredienti, tutti caratterizzati, a loro volta, da un indice glicemico basso:

  1. uova (2, intere)
  2. yogurt (50 grammi)
  3. latte (45 ml)
  4. farina di segale (40 grammi)
  5. cacao amaro in polvere senza zucchero (15 grammi)
  6. cocco rapè (15 grammi)

Per far lievitare la tua torta puoi usare un mix di cremor tartaro (3 grammi) e bicarbonato di sodio (1,5 grammi).

Cosa fa di questi alimenti degli ingredienti a basso indice glicemico? Non solo la quantità di zuccheri presenti al loro interno, ma anche altre loro proprietà. In particolare, questa ricetta prevede l'uso della farina di segale perché rispetto alla classica farina bianca utilizzata per preparare la maggior parte dei dolci: è naturalmente più ricca di fibra alimentare, che contribuisce a controllare l'assorbimento degli zuccheri nell'intestino, riducendolo. L'effetto non è da poco: mentre la farina bianca ha un indice glicemico pari a 85 (quindi alto), quella di segale ha un indice glicemico pari a 40 (meno della metà). Più in generale, sappi che tutti questi ingredienti hanno un indice glicemico inferiore a 50 e, quindi, sono classificabili come “a basso indice glicemico”: per il cocco rapè è pari a 40, per lo yogurt a 35, per il latte a 30, per il cacao amaro in polvere a 20 e per le uova, addirittura, a 0.

Il procedimento

Per preparare la torta cacao e cocco a basso indice glicemico, segui questo semplice procedimento:

  • In un contenitore, miscela fra loro gli ingredienti secchi: la farina di segale, il cocco rapè e la polvere di cacao amaro.
  • In una terrina, sbatti le uova aiutandoti con una frusta. Aggiungi quindi lo yogurt, poi il latte.
  • Trasferisci gli ingredienti secchi nella miscela di uova, yogurt e latte. Ti consiglio di setacciarli per ridurre al minimo la formazione di grumi nell'impasto.
  • Aggiungi, da ultimi, il cremor tartaro e il bicarbonato di sodio.
  • Per cucinare la torta, scalda sul fornello un pentolino di 12-14 cm di diametro che hai precedentemente unto con poco olio extravergine di oliva. Versa il composto nel pentolino e chiudilo con un coperchio.
  • Lascia cuocere a fuoco bassissimo per 20 minuti, quindi gira la torta e falla cuocere per altri 5 minuti, sempre tenendo il pentolino chiuso con il coperchio.
  • Una volta raffreddata, la tua torta è pronta per essere mangiata! Proprio per mantenere il più possibile basso il suo indice glicemico, ti sconsiglio di rifinirla con la classica spolverata di zucchero. Piuttosto, potresti arricchirla con un po' di crema 100% arachidi: le darai quel pizzico di gusto salato ottimo in contrasto con il cacao.
Laureata in Scienze Biologiche con un dottorato in Scienze Genetiche e Biomolecolari, ha lavorato nel campo della ricerca fino al 2009 altro…