Gli alimenti ricchi di triptofano: ecco in quali cibi puoi trovare la fonte dell’ormone del buonumore

Avrai sentito parlare spesso della serotonina, l’ormone che oltre a regolare l’appetito e il ciclo sonno-veglia, stimola anche il buonumore. Forse però non sapevi che il punto di partenza per la produzione di questa sostanza è un amminoacido che si trova nelle proteine di origine animale e vegetale chiamato triptofano. Siccome non è una sostanza che l’organismo riesce a sintetizzare da sola, è necessario assumere triptofano attraverso l’alimentazione.
Kevin Ben Alì Zinati 28 Maggio 2020
* ultima modifica il 09/09/2020

Se ti dico serotonina, probabilmente sai già che sto parlando di quel neurotrasmettitore sintetizzato nel tuo cervello che agisce positivamente sul controllo dell’appetito, sulla regolazione del ciclo sonno-veglia quando viene trasformata in melatonina e soprattutto sull’umore.

Ma se invece ti dico triptofano? Forse non sapevi che questo amminoacido è il punto di partenza per la sintesi di proteine e di diverse sostanze biologhe tra cui proprio la serotonina. Questa, che avrai sentito chiamare spesso come “ormone del buonumore”, è in grado anche di controllare la dilatazione dei vasi sanguigni; il suo precursore triptofano viene proposto agli atleti per migliorare le proprie performance, o anche a chi soffre di ansia, depressione e insonnia.

Il triptofano è un amminoacido che trova spazio nelle proteine di origine animale e anche vegetale ma è una sostanza che non può essere sintetizzata dal tuo organismo: perciò devi assumerlo attraverso l’alimentazione. Qui di seguito ti cito i 6 tipi di cibi più ricchi di triptofano con cui potresti integrare la tua alimentazione, ovviamente partendo sempre dal consulto con uno specialista.

I 6 alimenti che contengono triptofano

Cioccolato

Ti sarà capitato di sentire che il cioccolato mette di buon umore, vero? Ecco, la risposta è perché il triptofano si trova in grande quantità nel cacao, quindi il cioccolato fondente ne sarà assai ricco: per questo è spesso considerato come un perfetto alimento antidepressivo e antistress.

Frutta secca

Il triptofano è ricchissimo nella frutta secca e in particolare nelle noci e nelle mandorle. In queste ultime infatti, se consideri una porzione di 100 grammi, la sua concentrazione può raggiungere quasi i 400mg.

Cereali

Anche i cereali, e i suoi derivati, potrebbero contribuire alla produzione di serotonina nel tuo organismo. In particolare il farro e la farina d’avena sono tra i cibi più ricchi di triptofano insieme al frumento e ad altri prodotti come le fette biscottate o la pizza.

Legumi

Tra i legumi i più ricchi di triptofano ci sono i fagioli, le lenticchie e i ceci: inserirli in maniera importante nell’alimentazione vuol dire caricare il proprio organismo di una buona riserva di triptofano e quindi di serotonina.

Alimenti proteici

In questo caso mi riferisco sia alla carne rossa che a quella bianca, quindi alla carne di pollo e di manzo, di maiale, di tacchino oltre a quella di pesce. E poi ancora le uova e i crostacei sono fonti preziosi di triptofano.

Latticini

Triptofano nel latticini fa rima con latte, yogurt e molti dei formaggi derivati come la ricotta o il groviera. Quindi ricordati, sempre parlandone prima con uno specialista in nutrizione, di integrare questi cibi nella tua alimentazione quotidiana.

Fonti | Humanitas 

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.