Igiene intima in estate: i 7 consigli da seguire per stare in salute

Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo.
Come comportarti in spiaggia, al mare e in piscina (ma anche a tavola) per tutelare la salute delle tue parti intime? Ecco 7 raccomandazioni da tenere in considerazione per non rischiare infezioni, arrossamenti e fastidi che ti rovinino le vacanze.
Gaia Cortese • 11 Luglio 2021

L’estate è la stagione più delicata per l'igiene intima della donna. L’insorgere di infezioni e disturbi delle parti intime è dietro l’angolo proprio a causa delle diverse condizioni climatiche e ambientali.

La salute dell’apparato genitale femminile si basa su tutto un equilibrio di vari fattori, tra cui lo stato ormonale, l’igiene intima, l’età, l’attività sessuale e altre condizioni esterne, vale a dire quelle riferite al clima e all’ambiente. Tutti i microrganismi che convivono nell’apparato genitale costituiscono il cosiddetto microbiota, ossia microrganismi buoni che hanno il compito di mantenere in salute l’organismo e nello specifico le parti più intime del corpo, difendendole dagli attacchi esterni. Se l’equilibrio del microbiota si altera, è facile che si verifichi un’infezione.

In estate il pericolo di contrarre un'infezione delle parti intime aumenta per diversi motivi. L’incremento della sudorazione, per esempio, può determinare una carenza di liquidi che, se non viene riequilibrata in modo adeguato, favorisce l’aumento della concentrazione batterica; ma anche cambiare tipo di alimentazione può avere un certa influenza sulla salute, dal momento che si rischia di alterare la flora intestinale e di non poter contare su un'efficace difesa dagli attacchi dei batteri.

C'è poi il caldo con cui fare i conti, l'umidità di un costume bagnato e la maggiore esposizione a fattori che possono favorire delle infezioni come il contatto con la sabbia, il cloro e il sale. Ecco quindi 7 raccomandazioni da seguire per affrontare l'estate e prendersi cura della salute delle parti più delicate del tuo corpo.

Aumenta le fibre

Per cominciare, punta tutto sull'alimentazione che deve e essere sana ed equilibrata, ma anche ricca di alimenti con un alto contenuto di fibre (cereali integrali, legumi e verdure) e di fermenti lattici vivi. In questo modo, migliorerai il tuo metabolismo e favorirai l'equilibrio dell’intero ecosistema vaginale.

Togli il costume bagnato

Un'abitudine diffusa quando si era piccoli, ma poi chissà perché, abbandonata negli anni. Quando ero bambina era normale fare un bagno dietro l'altro in spiaggia, e avere altrettanti costumi da bagno disponibili per avere sempre qualcosa di asciutto da mettere. Era una buona abitudine perché indossare un costume bagnato può ridurre la capacità dei tessuti di difenderti dalle infezioni.

Usa il tuo telo mare

Il telo mare dovrebbe essere a uso personale e pertanto, non dovresti scambiarlo con amici e conoscenti, per non rischiare un'eventuale trasmissione di batteri.

Usa un detergente intimo delicato

L'igiene intima è assolutamente indispensabile per stare in salute. Scegli un prodotto intimo delicato, con un pH fisiologico acido, o almeno il più vicino possibile a quello fisiologico. indicativamente da 4 a 5. Lavati almeno due volte al giorno, mattina e sera. E infine, non usare saponi troppo aggressivi che possono alterare l’equilibrio della flora batterica, tantomeno le salviettine umidificate

Non sederti sul bagnasciuga

Sapevi che la sabbia umida può essere la causa dell’insorgenza di infezioni genitali e delle vie urinarie? La sabbia è un veicolo di batteri e funghi e devi fare attenzione che non entri in contatto con le parti intime: se dovesse accadere, usa nel breve tempo un detergente specifico per lavarti. Attenzione anche al sale dell'acqua di mare e al cloro della piscina, che possono diventare fattori irritanti per le parti più intime.

Occhio alla biancheria e agli indumenti

In estate, stagione in cui la sudorazione aumenta, sarebbe preferibile indossare biancheria in cotone e rinunciare ai tessuti sintetici, in modo da evitare eventuali sfregamenti e conseguenti irritazioni. Evita anche gli indumenti troppo aderenti.

Doppia allerta con il ciclo mestruale

In caso di ciclo mestruale, l’igiene intima deve aumentare, poiché il flusso mestruale di per sé porta a un aumento dei batteri e, se a questi aggiungi i batteri presenti nell’acqua di mare e della piscina, il rischio di infezioni aumenta molto.

Se stai usando i tamponi, dopo ogni bagno, sostituiscili perché durante il bagno il cotone si gonfia e l’acqua resta a contatto con la parete vaginale; diversamente se stai usando una coppetta mestruale, ricordati di svuotarla dopo il bagno per evitare eventuali ristagni di acqua.